Servizio-CCL.ch
Servizio-CCL.ch Logo Unia

Contratto Unia CCL per il ramo pittura e gessatura

Versione del CCL

Sceglierne uno

Contratto collettivo di lavoro Conferimento dell’obbligatorietà generale

ZH (ecc. dei gessatori di Zurigo Città), BE, LU, UR, SZ, OW, NW, GL, ZG, SO, SH, AR, AI, SG, GR, AG, TG, JU, e per il ramo della pittura del canton Ticino
ZH (ecc. dei gessatori di Zurigo Città), BE, LU, UR, SZ, OW, NW, GL, ZG, SO, SH, AR, AI, SG, GR, AG, TG, JU, e per il ramo della pittura del canton Ticino
ZH (ecc. dei gessatori di Zurigo Città), BE, LU, UR, SZ, OW, NW, GL, ZG, SO, SH, AR, AI, SG, GR, AG, TG, JU, e per il ramo della pittura del canton Ticino

Criterio di selezione (51 su 51)

Dettagli CCL conformemente al criterio di selezioneinizio pagina

Panoramica del CCL

Dati di base

Tipo di CCL

Sovraregionale

Ramo professionale

Pittori e gessatori

Responsabile del CCL

Bruna Campanello

Numero di occupati assoggettati

Apprendisti esclusi: 15'895 (2015), 14'548 (2014), 13'421 (2012), 13'000 (2010), 12'200 (2009), 11'300 (2007), 12'973 (2001)

Numero di aziende assoggettate

2'726 (2014), 2'379 (2012)

Campi di applicazione

Informazioni sintetiche sul campo d'applicazione

ZH (ecc. dei gessatori di Zurigo Città), BE, LU, UR, SZ, OW, NW, GL, ZG, SO, SH, AR, AI, SG, GR, AG, TG, JU, e per il ramo della pittura del canton Ticino

Campo d'applicazione geografico

Valido per il ramo della pittura e gessatura dei Cantoni Zurigo (ad eccezione dei gessatori di Zurigo Città), Berna, Lucerna, Uri, Svitto, Obvaldo, Nidvaldo, Glarona, Zugo, Soletta, Sciaffusa, Appenzello Esterno, Appenzello Interno, San Gallo, Grigioni, Argovia, Turgovia, Giura, e per il ramo della pittura del canton Ticino. L'art. 20 del CCL non trova applicazione per il Canton Ticino.

Articolo 1.1

Campo d'applicazione aziendale

Valido per tutte le aziende e per tutti i reparti aziendali che eseguono o fanno eseguire lavori di pittura e gessatura (incluse le amministrazioni immobiliari che gestiscono reparti di pittura e gessatura in proprio).

Articolo 1.2

Campo d'applicazione personale

Valido per tutti i lavoratori e tutti i datori di lavoro. Sono esclusi gli impiegati d’ufficio e le persone appartenenti alla categoria professionale che occupano un posto direttivo superiore, nonché gli apprendisti.

Articolo 1.3

Campo d'applicazione geografico con carattere obbligatorio generale

L’obbligatorietà generale fa stato per il ramo della pittura e gessatura dei Cantoni
Zurigo (ad eccezione dei gessatori di Zurigo Città), Berna, Lucerna, Uri, Svitto,
Obvaldo, Nidvaldo, Glarona, Zugo, Soletta, Sciaffusa, Appenzello Esterno, Appenzello
Interno, San Gallo, Grigioni, Argovia, Turgovia, Giura, e per il ramo della
pittura del canton Ticino. L’articolo 19 del Contratto collettivo di lavoro non trova
applicazione per il Canton Ticino.

Dichiarazione di obbligatorietà generale: Articolo 2.1

Campo d'applicazione aziendale con carattere obbligatorio generale

Il presente decreto è valido per tutte le aziende e per tutti i reparti aziendali come pure per le amministrazioni immobiliari con divisione proprie di pittura o gessature che eseguono o fanno eseguire lavori di pittura e gessatura e che rientrano nella descrizione della professione del pittore o del gessatore.

a. Pittori:
applicazione di pittura, materiali di rivestimento ed intonaci plastici, nonché la posa di tappezzerie, pannelli e tessuti di ogni genere, inoltre l’abbellimento e la manutenzione di edifici e parti di costruzioni, installazioni edoggetti, come pure la protezione contro le intemperie ed altri influssi atmosferici.

b. Gessatori:
costruzioni di pareti, soffitti e pavimenti, i rivestimenti, le isolazioni di ogni genere, gli intonaci interni ed esterni e gli stucchi, il risanamento di edifici, la protezione di parti di costruzioni e di materiali contro gli influssi fisici echimici e di materiali pericolosi.

Dichiarazione di obbligatorietà generale: Articolo 2.2

Campo d'applicazione personale con carattere obbligatorio generale

Il presente decreto è valido per tutti i datori di lavoro e per tutti i lavoratori delle aziende o dei reparti aziendali di cui alla cifra 2, ad eccezione degli impiegati d’ufficio, delle persone appartenenti alla categoria professionale che occupano un posto direttivo superiore come ad esempio gli amministratori di un’impresa, nonché degli apprendisti.

Dichiarazione di obbligatorietà generale: Articolo 2.3

Durata della convenzione

Proroga contrattuale automatica / clausola di proroga

Se il contratto non viene disdetto rimane in vigore per un altro anno (il termine di disdetta è di un mese).

Articolo 5

Informazioni

Informazioni / indirizzo per l'ordinazione / Commissione paritetica

Commissione professionale paritetica centrale (CPPC)
Strassburgstrasse 11
Postfach 3276
8021 Zürich CH
044 295 30 65
info@zpbk.ch

Unia:
Theres Benz Spierling
044 295 15 28
theres.benz@unia.ch

Condizioni di lavoro

Salario e componenti salariali

Salari / salari minimi

Salari base mensili, validi dal 1.4.12 (dichiarato d'obbligatorietà generale a partire dal 1.10.2012)PittoriGessatori
V Capi operaiCHF 5'473.--CHF 5'684.--
A Lavoratori qualificati con certificato dopo 3 anni di esperienza professionaleCHF 4'780.--CHF 4'995.--
B Lavoratori qualificatiCHF 4'421.--CHF 4'594.--
C ManovaliCHF 4'233.--CHF 4'393.--
D Estrani al ramoCHF 3'951.--CHF 4'061.--
Giovani lavoratori nel 1. anno post-tirocinioCHF 4'045.--CHF 4'206.--
Giovani lavoratori nel 2. anno post-tirocinioCHF 4'280.--CHF 4'440.--
Giovani lavoratori nel 3. anno post-tirocinioCHF 4'544.--CHF 4'759.--

Articolo 9.3

Categorie salariali

Categoria V - Capi operai
Vengono considerati capi operai e/o inquadrati come tali, quei lavoratori che hanno concluso con esito positivo una scuola riconosciuta per capi operai ASIPG o che dispongono di una formazione equivalente acquisita nella CE e che vengono riconosciuti come tali e come tali occupati dal datore di lavoro. I lavoratori finora occupati dal datore di lavoro come capi operai mantengono tale qualifica.

Categoria A - Lavoratori qualificati con certificato di capacità
Vengono considerati lavoratori qualificati con certificato di capacità tutti i lavoratori del settore pittura/gessatura che hanno concluso l'apprendistato di pittore o gessatore ai sensi dell'art. 38 della Legge federale sulla formazione professionale (RS 412.10) e tutti i lavoratori con qualifica equivalente che svolgono in modo autonomo lavori in base l'articolo 2 capoverso 2 del decreto del Consigglio federale del 22 septembre 210 che conferisce carattere obbligatiorio generale al contratto collettivo di lavoro per il ramo pitture e gessatura. I lavoratori che hanno concluso apprendistati diversi, ad es. i doratori, non vengono considerati automaticamente lavoratori qualificati con certificato di capacità.

Categoria B - Lavoratori qualificati
Sono considerati lavoratori qualificati coloro che eseguono lavori di pittura/gessatura, in base l'articolo 2 capoverso 2 del decreto del Consigglio federale del 22 septembre 210 che conferisce carattere obbligatiorio generale al contratto collettivo di lavoro per il ramo pitture e gessatura. ma non dispongono dei requisiti richiesti ad un lavoratore qualificato con certificato di capacità.

Categoria C – Manovali
Sono considerati manovali tutti i lavoratori che durante un periodo massimo di 4 anni al massimo effettuano dei lavori ausiliari nel ramo della pittura e gessatura. Trascors questi 4 anni, avviene automaticamente la promozione nella categoria B (lavoratori qualificati).

Categoria D – Lavoratori estranei al ramo
Lavoratori senza una specifica esperienza professionale nel ramo della pittura o gessatura sono considerati estranei al ramo per i primi 12 mesi del rapporto di lavoro. Di seguito avviene la promozione automatica nella categoria C (manovali).

Articolo 9.1

Aumento salariale

Dal 1.4.12 (dichiarato d'obbligatorietà generale a partire dal 1.10.2012):
Augmento generale dei salari mensili in tutte le categorie di CHF 85.--
e aumento generale dei salari minimi in tutte le categorie di CHF 42.-- al mese

A titolo informativo:
Negli anni transitori (2013 e 2014) è automaticamente compensato il rincaro effettivo fino a un massimo del 2%. Come base di calcolo viene preso un salario di CHF 5‘158.00 per pittori rispettivamente CHF 5‘341.00 per gessatori. I salari minimi (inclusi gli apprendisti a fine
tirocinio) vengono aumentati della metà del rincaro effettivo.

Articoli 9.3+4

Indennità di fine anno / tredicesima mensilità / gratifica / premio per anzianità di servizio

Alla fine dell'anno civile i lavoratori beneficiano di un intero ulteriore salario mensile medio.

Articolo 9.6

Assegni per i figli

Nessuna disposizione imperativa o di forza obbligatoria oltre il minimo legale

Supplementi salariali

Lavoro straordinario / ore supplementari

In linea di massima, le ore di lavoro straordinarie ordinate e i supplementi per le ore straordinarie sono da compensare con tempo libero.
Se le ore straordinarie non sono compensate con tempo libero della stessa durata, esse devono in ogni caso essere retribuite con un supplemento del 25% entro la fine del mese di aprile dell’anno seguente e non oltre.

Articolo 8

Lavoro notturno / lavoro al fine settimana / lavoro serale

Lavoro di domenica e nei giorni festivi: un supplemento in ore del 100%
Lavoro notturno (dalle 20.00 alle 06.00): un supplemento in ore del 100%.

Articolo 8.4

Lavoro a turni / servizio di picchetto

Nessuna disposizione imperativa o di forza obbligatoria oltre il minimo legale

Rimborso spese

Indennità per il pranzo in caso di lavoro fuori sede:
- variante 1: massimo CHF 20.--/pasto
- variante 2: CHF 262.--/mese (possono essere dedotti CHF 13.50 per ogni assenza (fanno eccezione i giorni di vacanze e festivi))
Uso dell’auto privata: CHF -.60/km
Uso della motocicletta: CHF -.35/km

Prestito di personale: forfait di CHF 13.50 per giorno

Articolo 10; promemoria CPPC: pranzo

Altri supplementi

I lavoratori che vantano un rapporto di lavoro con durata superiore ad un anno, hanno diritto a ricevere gratuitamente dal datore di lavoro due tute da lavoro l’anno.

Articolo 18

Orario di lavoro e giorni liberi

Orario di lavoro

In linea di principio (deroghe possibili eccezionalmente): settimana lavorativa di 5 giorni (dal lunedì al venerdì)
Orario medio di lavoro: 8ore/giorno, 40ore/settimana
Orario di lavoro settimanale massimo: 48 ore
Orario di lavoro annuale massimo: 2'088 ore
Il viaggio di più di 30 minuti è orario di lavoro.

Il lavoro di sabato rimane un’eccezione. La CPPC definisce quali sono casi eccezionali.

Articolo 8

Vacanze

Categoria d'etàNumero di giorni di vacanze
Fino al compimento del 20° anno di età27
Dal compimento del 20° anno di età fino al compimento del 50° anno di età22
Dal compimento del 50° anno di età27

I lavoratori devono usufruire di 5 giorni risp. di 10 giorni delle vacanze cui hanno diritto durante i mesi invernali (novembre - marzo).

Articolo 12

Giorni di congedo retribuiti (assenze)

OccasioneGiorni compensati
Matrimonio1 giorno
Nascita di un figlio1 giorno
Decesso di fratelli, sorelle e suoceri2 giorni
Decesso del coniuge o della persona convivente, dei figli e dei genitori3 giorni
Militare, ispezione0.5 giorno
Trasloco di lavoratori che hanno più di un anno di anzianità di servizio presso la ditta e il cui rapporto di lavoro non è stato disdetto1 giorno, 1 volta in 3 anni

Articolo 11

Giorni festivi retribuiti

Tutti i lavoratori hanno diritto alla retribuzione della perdita salariale per 9 giorni festivi al massimo (inclusa la Festa nazionale il 1° agosto), se questi cadono su un giorno lavorativo (da lunedì a venerdì).

Ai lavoratori salariati eccezionalmente e giustificatamente all'ora, deve essere versato in ogni caso oltre al salario di base ed eventuali supplementi per le ore straordinarie un'indennità per giorni festivi del 3.59%.

Articolo 12.2

Congedo di formazione

Di comune accordo tra il datore di lavoro e il lavoratore va promossa la frequenza ai corsi di aggiornamento sostenuti dal Gimafonds

; un lavoratore deve poter frequentare fino a 5 giorni di corso per anno civile.

Articolo 26; Regolamento GIMAFONDS

Indennità per perdita di guadagno

Malattia / infortunio

Malattia - assicurazione di indennità giornaliera di malattia:
- Prestazione: L‘80% del salario lordo (13a mensilità compresa), durante 730 giorni
- Premi: Il lavoratore deve assumersi una quota dei premi pari all’1.25% del salario lordo individuale
Nel caso di rapporti di lavoro a tempo determinato fino a 3 mesi e nel caso di un licenziamento durante il periodo di prova il diritto assicurativo finisce con la fine del rapporto dilavoro.

Infortunio:
Assicurazione presso la SUVA; i giorni di carenza SUVA devono essere coperti dal datore di lavoro. Negli altri ambiti si applicano le disposizioni federali vigenti in materia.

Articoli 13 e 14

Congedo maternità / paternità / parentale

Congedo di maternità:
16 settimane, 80%; Il congedo maternità deve iniziare due settimane prima del termine calcolato del parto.
In mancanza di prestazioni secondo la Legge sull’indennità di perdita di guadagno, sussiste l’obbligo di versamento del salario per 8 settimane al massimo.

Congedo paternità: 1 giorno

Articoli 11 e 15

Servizio militare / civile / di protezione civile

Tipo di servizioCondizione% del salario
Scuola recluteLavoratori sposati e celibi con persone a carico100%
Lavoratori celibi senza persone a carico80%
Scuola quadri e promozione, militari in ferma continuata, altri servizi100%

Articolo 16

Regolamentazioni in materia di pensionamento / pensionamento anticipato

Nessuna disposizione imperativa o di forza obbligatoria oltre il minimo legale

Contributi

Fondo paritetico / contributi per le spese di esecuzione / contributi per il perfezionamento

Contributo per i costi d’esecuzione:
- lavoratrici e lavoratori CHF 6.--/mese
- datori di lavoro CHF 10.--/mese

Contributo per l’aggiornamento professionale (GIMAFONDS):
lavoratrici e lavoratori CHF 17.--/mese, datori di lavoro CHF 150.--/anno + l’1.5 ‰ della massa salariale dell’anno precedente desumibile dai conteggi della SUVA.

Articolo 20; Accordo concernente la formazione e l’aggiornamento professionale (GIMAFONDS) Articoli 4

Protezione del lavoro / contro la discriminazione

Disposizioni antidiscriminazione

Il datore di lavoro bada a creare un ambiente di rispetto reciproco e di tolleranza fra i suoi collaboratori che esclude qualsiasi parzialità o discriminazione per il sesso, l’età, la provenienza, la razza, l’orientamento sessuale, la lingua, lo stato sociale, la forma di vita, la convinzione religiosa, politica o filosofica o per un handicap fisico o psichico oltre ad evitare molestamenti o pericoli per la salute. Per prevenire ogni mobbing, le aziende creano una cultura comunicativa aperta e priva di paura.

Articolo 23

Parità in generale / parità salariale / conciliazione della vita professionale e familiare / molestie sessuali

Il datore di lavoro bada a creare un ambiente di rispetto reciproco e di tolleranza fra i suoi collaboratori che esclude qualsiasi parzialità o discriminazione per il sesso, l’età, la provenienza, la razza, l’orientamento sessuale, la lingua, lo stato sociale, la forma di vita, la convinzione religiosa, politica o filosofica o per un handicap fisico o psichico oltre ad evitare molestamenti o pericoli per la salute. Per prevenire ogni mobbing, le aziende creano una cultura comunicativa aperta e priva di paura.

Articolo 23

Sicurezza sul lavoro / protezione della salute

In questo ambito esiste una «Commissione per la sicurezza sul lavoro e la protezione della salute» (la KAGA – composta pariteticamente), che studia a fondo le problematiche del settore e raccomanda oppure ordina dei provvedimenti atti a promuovere la protezione della salute e la sicurezza sul lavoro. La soluzione settoriale MSSL («Sicurezza sul lavoro e protezione della salute nel ramo della pittura e gessatura») obbliga tutti i datori di lavoro e i loro dipendenti a garantire posti di lavoro quanto più sicuri possibili. Questo scopo di protezione è allo stesso tempo un compito di chi dirige come pure un interesse costante di ogni lavoratore.

Il datore di lavoro è tenuto ad attuare la soluzione settoriale ASA nella sua azienda e ad eseguire periodicamente controlli di sicurezza.

Articolo 19

Apprendisti / dipendenti fino a 20 anni d'età

Gli apprendisti non sono assoggettati al CCL. Tuttavia, in base a un apposito Accordo protocollare, l’associazione padronale ASSIPG si impegna ad emanare annualmente all’attenzione dei maestri di tirocinio e degli uffici cantonali competenti direttive concernenti la retribuzione degli apprendisti, le vacanze, i giorni festivi, l’assicurazione di indennità giornaliera in caso di malattia e le tute di lavoro.

Gli apprendisti hanno diritto a:
- 5 settimane di vacanza fino al compimento dei 20 anni
- al massimo 8 giorni festivi pagati + 1° agosto
- due tute di lavoro (in natura)
- le indennità per lavoro fuori sede come gli altri dipendenti
- le indennità in caso di servizio militare e di protezione civile
- le indennità per assenze giustificate
- i supplementi per ore di lavoro straordinarie come gli altri dipendenti

Salari pittori (raccomandazione ASIPG):
1° anno: da CHF 600.-- a 850.-- il mese
2° anno: da CHF 850.-- a 1'110.-- il mese
3° anno: da CHF 1'310.-- a 1'700.-- il mese

Salari gessatori (raccomandazione ASIPG):
1° anno: da CHF 500.-- a 650.-- il mese
2° anno: da CHF 700.-- a 900.-- il mese
3° anno: da CHF 1'200.-- a 1'600.-- il mese

Allegato apprendisti; raccomandazione ASIPG

Disdetta

Termine di preavviso

Anno di servizioDisdetta
Durante il periodo di prova (2 mesi)1 settimana
Quando il rapporto di lavoro ha una durata inferiore a un anno2 settimane
Quando il rapporto di lavoro ha una durata superiore a un anno1 mese
A partire dal 7mo anno di servizio2 mesi
Dalla fine del 10° anno di servizio3 mesi

Articolo 7.3

Protezione contro il licenziamento

Se i lavoratori sono parzialmente o integralmente incapaci al lavoro per ragione di malattia o infortunio, il rapporto di lavoro non può essere disdetto:
- nel 1° anno di servizio durante 30 giorni;
- dal 2° al 5o anno di servizio durante 90 giorni;

- dal 6° anno di servizio o dall’età di 45 anni compiuti, fino a che sono pagate le indennità giornaliere di malattia. Quando l’incapacità al lavoro ha perdurato oltre un anno e quando la riconquista della capacità lavorativa rispetto al contratto di lavoro è improbabile secondo prognosi medica, il rapporto di lavoro può essere disdetto per la scadenza dei pagamenti dell’indennità giornaliera di malattia con un preavviso di almeno un mese.

Se il licenziamento è ammissibile di cui al cpv. 1 e se al momento del licenziamento il lavoratore ammalatosi non è ancora completamente abile al lavoro, gli deve essere garantita la permanenza liberata dal pagamento dei premi nella assicurazione di indennità giornaliera di malattia collettiva dell’azienda con la possibilità di percepire le indennità fino alla scadenza della durata massima di cui al art. 13 rispettivamente fino alla riconquista della piena abilità al lavoro.

Articolo 7.3.2

Partenariato sociale

Parti contraenti

Rappresentanza dei lavoratori

Sindacato Unia
Sindacato Syna

Rappresentanza dei datori di lavoro

Associazione svizzera imprenditori pittori e gessatori (ASIPG)

Organi paritetici

Organi d'esecuzione

Su richiesta del datore di lavoro o del lavoratore interessato le CPPR, in qualità di uffici di primo contatto, decidono sulle controversie tra i datori di lavoro e i loro lavoratori in merito alla stipulazione, al contenuto e alla cessazione dei rapporti di lavoro.
Ai sensi dell'art. 357 b cpv. 1 CO, la CPPC e le CPPR hanno in particolare i seguenti compiti e competenze:
1. Esercitano il diritto di accertamento;
2. Controllano l'osservanza delle disposizioni normative del Contratto collettivo di lavoro (compreso il rispetto del divieto del lavoro nero e del lavoro a cottimo) nelle aziende e sui posti di lavoro;
3. Infliggono e riscuotono le multe convenzionali e addebitano le relative spese di controllo e di procedura.

Contro le decisioni della CPPR il datore di lavoro o il lavoratore interessati, entro 20 giorni dalla comunicazione, possono inoltrare per iscritto istanza motivata e avanzare proposte alla CPPC, casella postale 3276, 8021 Zurigo.

Spetta alla CPPC far valere il diritto al contributo ai costi di esecuzione.

Articolo 6.3

Fondo

Gimafonds
Da quando il 1° gennaio 1978 è entrato in vigore il contributo professionale obbligatorio, il programma dei corsi di perfezionamento professionale è stato notevolmente ampliato. Contemporaneamente, anche le basi materiali per la frequenza di uno di questi corsi sono state sensibilmente migliorate al fine di facilitare per i lavoratori del ramo della pittura e gessatura, la partecipazione alle iniziative di perfezionamento professionale.

Il Gimafonds fornisce prestazioni generose in caso di partecipazione ad un corso: versa un'indennità per perdita di guadagno, indennizza le spese di pernottamento e di viaggio, e si assume una parte del costo del corso in questione conformemente al regolamento.

Le parti contraenti ASIPG, Unia e Syna raccomandano a tutti i lavoratori qualificati ed ausiliari di frequentare questi corsi di perfezionamento professionale, affinché siano in grado di mantenere il passo con le continue innovazioni nel nostro ramo.

Per il programma dei corsi, l'iscrizione e i regolamenti sul pagamento dell'indennità di salario e sul rimborso delle spese del corso potete rivolgervi al nostro ufficio.

Gimafonds
Contributo professionale per il ramo pittura e gessatura
casella postale 3276
8021 Zurigo
044 295 30 60

Partecipazione

Congedo per partecipare alle attività sindacali

Nessuna disposizione imperativa o di forza obbligatoria oltre il minimo legale

Disposizioni in materia di partecipazione (commissioni aziendali, commissioni giovanili ecc.)

Nessuna disposizione imperativa o di forza obbligatoria oltre il minimo legale

Disposizioni di protezione per i delegati sindacali e i membri delle commissioni aziendali/del personale

Nessuna disposizione imperativa o di forza obbligatoria oltre il minimo legale

Misure sociali / piani sociali / licenziamenti di massa / mantenimento dei posti di lavoro

Nessuna disposizione imperativa o di forza obbligatoria oltre il minimo legale

Disciplina sui conflitti

Procedura di conciliazione

1° livello: Commissione professionale paritetica regionale (CPPR)
2° livello: Commissione professionale paritetica centrale (CPPC)

Articoli 2.1 e 6

Obbligo della pace

Per tutta la durata del contratto le organizzazioni contraenti, le loro sezioni, i datori di lavoro ed i lavoratori interessati sono tenuti al rispetto assoluto della pace del lavoro.

Articolo 3

Cauzione

Ammontare della cauzione:
- CHF 10'000.-- per le somme superiori a CHF 20’000.--
- CHF 5'000.-- in caso di somme per mandati fra i CHF 2’000 franchi e 20'000.-- per anno civile
- nessuna cauzione per mandati inferiore a CHF 2’000.-- per anno civile
Utilizzo della cauzione:
Copertura delle pene convenzionali e dei costi di controllo e di procedura di elaborazione nonché pagamento del contributo per i costi di esecuzione ai sensi dell'articolo 20 CCL.
Svincolo della cauzione:
Quando il datore di lavoro ha cessato definitivamente (di fatto e di diritto) l’attività lavorativa nel ramo della pittura e gessatura del carattere obbligatorio generale o in caso di aziende e lavoratori distaccati, minimo sei mesi dopo l’ultimazione dell’opera oggetto del contratto d’appalto. La cauzione viene svincolata nel caso che tutte le condizioni sono soddisfatte (p. es. assenza di contributi professionali scoperti o vertenze aperte).

Allegato cauzione: articoli 1, 2, 4 e 7

Documenti e link  inizio pagina
» Decreto del Consiglio federale che conferisce obbligatorietà generale
» CCL per il ramo pittura e gessatura 2012 - 2015 (121 KB, PDF)

Esportazione inizio pagina
» Documento PDF
» Scarica file Excel
Salario usuale del ramo professionale: inizio pagina
 

    Al momento il suo elenco dei preferiti non contiene alcuna versione di CCL.


Unia Home


Produktion (Version 5.4.9)