Servizio-CCL.ch
Servizio-CCL.ch Logo Unia

Contratto Unia Contratto collettivo di lavoro nel ramo svizzero dell’installazione elettrica e dell’installazione delle telecomunicazioni

Versione del CCL

Contratto collettivo di lavoro : dal 01.01.2019
Conferimento dell’obbligatorietà generale: 01.06.2019 - 30.06.2020

Criterio di selezione (51 su 51)

Dettagli CCL conformemente al criterio di selezioneinizio pagina

Panoramica del CCL

Dati di base

Tipo di CCL

Sovraregionale

Ramo professionale

Industria elettriche e di telecommunicazione

Responsabile del CCL

Aldo Ferrari

Numero di occupati assoggettati

24'357 (2019)

Numero di aziende assoggettate

2'150 (2019)

Campi di applicazione

Campo d'applicazione geografico

Il CCL vale per tutto il territorio svizzero. Fanno eccezione i datori di lavoro e i lavoratori del Cantone di Ginevra. Nel Canton Vallese il CCL è applicabile, purché il contratto cantonale non disponga diversamente.

Articolo 3.1

Campo d'applicazione aziendale

Il CCL si applica a tutte le aziende affiliate all’USIE nella misura in cui non siano espressamente sottoposte a un altro CCL oppure non siano escluse dal campo di applicazione del presente CCL da una dichiarazione della Commissione Paritetica Nazionale (CPN).
Allo scopo di assicurare l’unità aziendale, il CCL si applica a tutti i settori artigianali affini di un’azienda (art. 3.2.1 CCL), nella Misura in cui non siano espressamente sottoposti ad un altro CCL in quanto membri di un’altra associazione padronale oppure ne siano esclusi secondo l’art. 3.1.2 CCL.
Il CCL si applica pure a tutti i datori di lavoro che hanno concluso un contratto di adesione a norma dell’art. 8 CCL.

Articolo 3.2

Campo d'applicazione personale

Valido per tutti i lavoratori occupati presso un datore di lavoro vincolato al CCL. Singole disposizioni CCL /DOG valgono anche per lavoratori da agenzie di collocamento e uffici per il personale a prestito.
Fatta eccezione per i membri dei sindacati Unia e SYNA, non sono sottoposti al CCL:
- il titolare dell’azienda e i suoi familiari
- i quadri che sono responsabili del personale
- il personale d’ufficio e amministrativo, il personale che lavora nei negozi
- i lavoratori che svolgono prevalentemente attività nell’ambito della pianificazione, della progettazione, della calcolazione e delle offerte
- gli apprendisti

Articoli 3.3 e 3.4

Campo d'applicazione geografico con carattere obbligatorio generale

L’obbligatorietà generale è pronunciata per tutta la svizzera eccettuati i cantoni Vallese e Ginevra.

Conferimento del carattere obbligatorio generale: articolo 2

Campo d'applicazione aziendale con carattere obbligatorio generale

Le disposizioni del contratto collettivo di lavoro dichiarate di obbligatorietà generale fanno stato direttamente per tutti i ditte o parti di ditte che
a) installano impianti elettrici e/o impianti di telecomunicazione/impianti tecnici di comunicazione e/o
b) realizzano altre installazioni assoggettate alla legge federale sugli impianti elettrici e all’ordinanza sugli impianti a bassa tensione e/o
c) svolgono altre attività in rapporto con gli impianti elettrici:
– la realizzazione di tracciati;
– l’esecuzione di scanalature;
– la realizzazione di linee pneumatiche o idrauliche nel settore MSR;
– la realizzazione di impianti EED, IT e a fibre ottiche;
– la realizzazione della componente elettrici di impianti fotovoltaici fino al punto di alimentazione della rete a bassa tensione.

Conferimento del carattere obbligatorio generale: articolo 2

Campo d'applicazione personale con carattere obbligatorio generale

Le disposizioni del contratto collettivo di lavoro dichiarate di obbligatorietà generale fanno stato direttamente per tutti i datori di lavoro e per tutti i lavoratori di ditte o parti di ditte predetti.

Fanno eccezione:
a) i familiari dei datori di lavoro, come da art. 4, cpv. 1Legge sul lavoro4;
b) ai quadri, nella misura in cui siano responsabili del personale;
c) ai lavoratori che effettuano prevalentemente lavori di tipo amministrativo, come corrispondenza, contabilità salari, contabilità e servizio del personale, oppure che lavorano nei negozi;
d) ai lavoratori che svolgono prevalentemente attività nell’ambito della pianificazione, della progettazione, della calcolazione e delle offerte;
e) agli apprendisti.

Conferimento del carattere obbligatorio generale: articolo 2

Durata della convenzione

Proroga contrattuale automatica / clausola di proroga

Il CCL può essere disdetto da ognuna delle parti contraenti, per lettera raccomandata e rispettando il termine di preavviso di 6 mesi, la prima volta per il 31 dicembre 2018.

Se nessuna delle parti revoca la Convenzione, il CCL rimane in vigore per un ulteriore anno.

Articolo 18

Informazioni

Informazioni / indirizzo per l'ordinazione / Commissione paritetica

Commissione Paritetica Nazionale (CPN) per il ramo dell'installazione eletrica e dell'installazione delle telecomunicazioni
Weltpoststrasse 20
Casella postale 272
3000 Berna 15
www.cpn-elettrica.ch

Unia:
Serge Torriani
031 350 23 54
serge.torriani@unia.ch

Condizioni di lavoro

Salario e componenti salariali

Salari / salari minimi

A decorrere dal 1° gennaio 2017 (dichiarato d’obbligatorietà generale a partire dal 1° aprile 2017):
Categoria di collaboratoriEsperienza professionale / nel ramoMensilitàSalario orario
Montatore elettricista / Installatore elettricista AFCSenza esperienza professionale / nel ramoCHF 4'475.--CHF 25.72
1 anno esperienza professionale / nel ramoCHF 4'575.--CHF 26.29
2 anno esperienza professionale / nel ramoCHF 4'650.--CHF 26.72
3 anno esperienza professionale / nel ramoCHF 4'750.--CHF 27.30
4 anno esperienza professionale / nel ramoCHF 4'850.--CHF 27.87
5 anno esperienza professionale / nel ramoCHF 5'000.--CHF 28.74
Elettricista di montaggio AFCSenza esperienza professionale / nel ramoCHF 4'050.--CHF 23.28
1 anno esperienza professionale / nel ramoCHF 4'200.--CHF 24.14
2 anno esperienza professionale / nel ramoCHF 4'300.--CHF 24.71
3 anno esperienza professionale / nel ramoCHF 4'400.--CHF 25.29
4 anno esperienza professionale / nel ramoCHF 4'550.--CHF 26.15
5 anno esperienza professionale / nel ramoCHF 4'700.--CHF 27.01
Telematico AFCSenza esperienza professionale / nel ramoCHF 4'650.--CHF 26.72
1 anno esperienza professionale / nel ramoCHF 4'750.--CHF 27.30
2 anno esperienza professionale / nel ramoCHF 4'850.--CHF 27.87
3 anno esperienza professionale / nel ramoCHF 5'000.--CHF 28.74
4 anno esperienza professionale / nel ramoCHF 5'200.--CHF 29.89
5 anno esperienza professionale / nel ramoCHF 5'300.--CHF 30.46
Collaboratori solo con titolo scolastico nel ramo dell’installazione elettrica e dell’installazione delle telecomunicazioniSenza esperienza professionale / nel ramoCHF 3'850.--CHF 22.13
1 anno esperienza professionale / nel ramoCHF 4'000.--CHF 22.99
2 anno esperienza professionale / nel ramoCHF 4'200.--CHF 24.14
3 anno esperienza professionale / nel ramoCHF 4'300.--CHF 24.71
4 anno esperienza professionale / nel ramoCHF 4'450.--CHF 25.57
5 anno esperienza professionale / nel ramoCHF 4'700.--CHF 27.01
Collaboratori senza titolo professionale nel ramo dal 20 anno di etàSenza esperienza professionale / nel ramoCHF 3'850.--CHF 22.13
1 anno esperienza professionale / nel ramoCHF 3'900.--CHF 22.41
2 anno esperienza professionale / nel ramoCHF 4'000.--CHF 22.99
3 anno esperienza professionale / nel ramoCHF 4'300.--CHF 24.71
4 anno esperienza professionale / nel ramoCHF 4'400.--CHF 25.29
5 anno esperienza professionale / nel ramoCHF 4'520.--CHF 25.98
Per i giovani lavoratori fino al compimento del 20° anno d’età i salari minimi non sono applicabili.

Cantone di Neuchâtel: i salari minimi si applicano, a condizione che siano superiori al salario minimo previsto dalla LEmpl (Loi cantonale neuchâteloise sur l’emploi et l’assurance-chômage).
Dal 1° gennaio 2020 il salario minimo legale è di CHF 20.08 / ora. Dal 1° gennaio 2019 il salario minimo legale è di CHF 20.02 / ora. Il salario minimo nel cantone di Neuchâtel è adattato automaticamente e annualmente all’Indice nazionale dei prezzi al consumo (IPC) (indice di base agosto 2014).

Articolo 35; appendice 8: accordo 2017

Aumento salariale

2019 (dichiarato d’obbligatorietà generale a partire dal 1° giugno 2019):
I salari di tutti i lavoratori e tutte le lavoratrici registrano un aumento generale dell'1% (supplementi esclusi).
I datori di lavoro che Hanno concesso, a decorrere dal 1° gennaio 2019, un aumento generale del salario possono computarlo sull'aumento salariale conformemente all'allegato 8 del CCL.

Per informazione:
Le parti contraenti svolgono ogni anno trattative in merito a:
a) salari minimi secondo l’art. 35 CCL;
b) adeguamenti del quadro salariale, il quale è disciplinato come segue. Se il rincaro annuo (evoluzione dell’indice nazionale dei prezzi al consumo) è inferiore all’1% (stato 30.09 dell’anno in questione), i salari vengono adeguati automaticamente e in generale.
Se il rincaro supera l'1%, per la parte che eccede tale percentuale vengono intavolate trattative. In caso di mancato accordo può essere adito il tribunale arbitrale in base all'art. 12 CCL.

Articoli 10.6 e 38; appendice 8: accordo 2019; conferimento del carattere obbligatorio generale: III

Indennità di fine anno / tredicesima mensilità / gratifica / premio per anzianità di servizio

Il lavoratore riceve un’indennità di fine anno del 100% del salario medio mensile. Se il rapporto di lavoro non è durato tutto l’anno, l’indennità di fine anno è pagata pro rata temporis.

Articolo 37

Assegni per i figli

Secondo le disposizioni cantonali in materia

Articolo 44

Supplementi salariali

Lavoro straordinario / ore supplementari

Il lavoro straordinario viene compensato unicamente se è stato ordinato dal datore di lavoro o dal suo rappresentante, o riconosciuto in seguito come tale. Sono considerate lavoro straordinario normale le ore di lavoro effettuate entro i limiti dell’orario giornaliero (dalle ore 06.00 alle ore 23.00) e che superano la durata annuale lorda del lavoro. Il lavoro straordinario normale deve essere compensato con tempo libero di uguale durata entro i nove mesi seguenti. Se una compensazione non è realizzabile per motivi inerenti l’azienda, il lavoro straordinario deve essere pagato con un’indennità del 25 %. Conformemente alle disposizioni dell’articolo 23.4 CCL, il conto delle ore straordinarie dev’essere compensato entro la fine dell’anno civile. Se una compensazione è possibile ma il lavoratore desidera un pagamento in contanti, il datore di lavoro decide, tenendo conto della situazione aziendale, se il lavoro straordinario deve essere compensato con tempo libero o remunerato in denaro, però senza indennità.

Le ore straordinarie effettuate di sabato devono essere compensate per principio con un supplemento di tempo (in base all’art. 40.1 CCL) in tempo libero di uguale durata. Se una compensazione non è realizzabile per motivi inerenti l’azienda, le ore straordinarie devono essere retribuite con un’indennità di salario (come da art. 40.1 CCL).

Articoli 39 e 40

Lavoro notturno / lavoro al fine settimana / lavoro serale

Sorta di lavoroSupplemento
Lavoro notturno (00h00-06h00 e 23h00-24h00)50% (domenica: 100%)
Lavoro di sabato (13h00-23h00)25%
Lavoro domenicale e festivo (00h00-24h00)100%

Articolo 40.1

Lavoro a turni / servizio di picchetto

Nessuna disposizione imperativa o di forza obbligatoria oltre il minimo legale

Rimborso spese

Rimborso spese per lavoro fuori sede con rientro quotidiano:
Il lavoratore ha diritto a un importo di CHF 12.-- al giorno a titolo di rimborso delle spese di vitto supplementari se
a) il rientro a mezzogiorno al luogo di lavoro/alla sede della ditta o a casa non è possibile oppure
b) il datore di lavoro dispone che a mezzogiorno il lavoratore rimanga al luogo di lavoro esterno
c) non vi è la possibilità di rientrare al proprio luogo di lavoro/alla sede della ditta o a casa, quando il luogo di lavoro fuori sede si trova al di fuori di un raggio di 10 km di distanza dal luogo di lavoro/dalla sede della ditta o dal domicilio del lavoratore oppure se il tragitto (semplice) corrispondente supera 15 km.
In caso di lavoro prolungato fuori sede all’interno della frontiera del nostro paese il lavoratore ha il diritto di rientrare al proprio domicilio per il fine settimana. Il datore di lavoro si assume le spese di viaggio.

Utilizzo di un veicolo privatoIndennità
Vettura privataCHF -.60/ km
Motocicletta/motorinoCHF 50.--/ mese
BiciclettaCHF 20.--/ mese

Articoli 41 e 42; appendice 8: accordo 2015

Altri supplementi

Nessuna disposizione imperativa o di forza obbligatoria oltre il minimo legale

Orario di lavoro e giorni liberi

Orario di lavoro

La durata annuale lorda del lavoro effettiva (tutti i giorni della settimana inclusi i giorni festivi, ma senza i sabati e le domeniche) è pari a 2080 ore.

La durata media lorda del lavoro annuale è calcolata in base alla seguente ormula: 365 (oppure 366) giorni / 7 giorni = numero di settimane per l’anno n questione × 40 ore la settimana = ore di lavoro all’anno. a durata effettiva lorda del lavoro annuale (...) e comunicata nell’appendice
8 del CCL.

Il datore di lavoro fissa la durata del lavoro quotidiana e settimanale rispettando le disposizioni della Legge sul lavoro e tenendo conto dei bisogni dell’azienda, rispettivamente della situazione delle ordinazioni, e dopo averne discusso con il lavoratore.

Articolo 23.2; appendice 8: accordo 2018

Vacanze

Categoria d'etàNumero di giorni di vacanze
fino a 20 anni compiuti25 giorni
21-35 anni compiuti24 giorni
36-55 anni compiuti25 giorni
56-65 anni compiuti30 giorni

Articolo 27

Giorni di congedo retribuiti (assenze)

OccasioneGiorni compensati
Matrimonio2 giorni
Nascita di un figlio del lavoratore1 giorno
Decesso del coniuge, di un figlio o dei genitori3 giorni
Decesso di nonni, suoceri, genero, nuora, fratello o sorella se vivevano nella stessa economia domestica3 giorni
Decesso di nonni, suoceri, genero, nuora, fratello o sorella se non vivevano nella stessa economia domestica1 giorno
Militare: giornata d’informazione per l’arruolamento1 giorno
Fondazione/trasloco della propria economia domestica, purché non sia legato ad un cambiamento di datore di lavoro1 giorno/anno al massimo

Articolo 32.1

Giorni festivi retribuiti

Nove giorni festivi federali o cantonali all’anno sono indennizzabili, purché cadano in un giorno lavorativo. I nove giorni festivi vengono fissati in base alle disposizioni legali federali e cantonali. Altri giorni festivi o di riposo federali, cantonali o pubblici devono essere compensati anticipatamente o posticipatamente; questi giorni non vengono quindi indennizzati.

L’indennità per giorni festivi è calcolata sulla base dell’orario normale di lavoro a salario normale.La vigilia dei giorni festivi legali il lavoro termina un’ora prima del consueto. Ai lavoratori con salario orario quest’ora viene pagata dal datore di lavoro.

Se non ci sono altre disposizioni complementari, valgono i giorni festivi seguenti: 1° gennaio (Anno Nuovo), 2 gennaio (San Bertoldo), Venerdì Santo, Lunedì di Pasqua, Ascensione, Lunedì di Pentecoste, 1° agosto (festa nazionale), 25 dicembre (Natale), 26 dicembre (Santo Stefano).



Articoli 29 e 30

Congedo di formazione

Il lavoratore ha diritto a 3 giorni di lavoro remunerati all’anno per il proprio perfezionamento professionale. La CP, rispettivamente la CPN, informano le aziende ed i lavoratori almeno una volta all’anno circa l’offerta di tali corsi.

I lavoratori che esercitano l’attività di esperto, che collaborano a commissioni di formazione professionale oppure che esercitano una funzione accessoria in una CP locale, hanno diritto ad un giorno supplementare di congedo di formazione remunerato.

Articolo 22

Indennità per perdita di guadagno

Malattia / infortunio

Obbligo di assicurazione in caso di impedimento per malattia
Il datore di lavoro deve assicurare collettivamente (…) i lavoratori per un’indennità pari all’80% del salario annuo perso durante la malattia, tenuto conto della normale durata contrattuale del lavoro. I premi dell’assicurazione collettiva sono a carico in parti uguali del datore di lavoro e del lavoratore.

Il datore di lavoro può concludere un’assicurazione collettiva per perdita di guadagno con prestazione differita fino a 180 giorni per anno civile. In tal caso (anche se il dipendente ha dato le dimissioni) egli deve versare l’80% del salario durante il periodo di differimento. (…) Il datore di lavoro ha l’obbligo di informare in modo dettagliato i lavoratori circa le condizioni di assicurazione vigenti nell’azienda.

La parte dei contributi del lavoratore viene dedotta dal salario e versata
all’assicurazione dal datore di lavoro assieme alla sua quota parte.

Le condizioni di assicurazione prevedono:
a) il pagamento di prestazioni sostitutive del salario, inclusa l’indennità di fine anno, in caso di malattia dall’inizio nella misura del’80% del salario normale (spese escluse);
b) la durata della copertura assicurativa deve coprire 720 giorni nell’arco di 900 giorni e deve includere una o più malattie;
c) le indennità da versare sono calcolate in maniera proporzionale al grado dell’incapacità lavorativa;
d) nel caso di riduzione delle indennità giornaliere dovute a sovrassicurazione, il lavoratore ha diritto al controvalore di 720 giorni interi (…)
e) eventuali riserve devono essere comunicate per iscritto all’assicurato al momento dell’inizio dell’assicurazione e sono valide al massimo per un periodo di cinque anni;
f) le prestazioni prescritte dalla LAMal in caso di maternità vengono erogate a complemento dell’assicurazione federale per la maternità;
g) in caso di dimissione da un’assicurazione collettiva, l’assicurato dev’essere informato circa il suo diritto di passaggio ad un’assicurazione individuale. Il passaggio deve avvenire secondo le regole della LAMal (senza nuove riserve, a tariffa unitaria, senza periodo d’attesa);
h) tutto il personale sottoposto dev’essere affiliato alla stessa assicurazione collettiva per perdita di guadagno;
i) nel caso di partecipazione all’eccedenza, i lavoratori ne hanno diritto in proporzione alla loro partecipazione ai premi.

Per la regolamentazione dei diritti assicurativi dei lavoratori che hanno raggiunto il 65°, rispettivamente il 64° anno d’età, il datore di lavoro contatta la sua compagnia d’assicurazioni e poi informa adeguatamente i lavoratori. L’assicurazione dev’essere stipulata presso una cassa malati riconosciuta dalla Confederazione e sottoposta alla LAMal.

Infortunio:
Assicurazione contro gli infortuni presso la SUVA. Il datore di lavoro versa l’80% del salario per il giorno dell’infortunio e i due giorni successivi, che non sono assicurati dalla SUVA.
Assicurazione infortuni non professionali: i premi sono a carico del lavoratore.

Articoli 46 – 48

Congedo maternità / paternità / parentale

Congedo paternità: 1 giorno

Articolo 32.1

Servizio militare / civile / di protezione civile

Durante il servizio militare obbligatorio svizzero, servizio civile e servizio di protezione civile, (…) i lavoratori ricevono, in base all’apposito attestato dei giorni di servizio, un salario dal suo datore di lavoro, secondo le disposizioni seguenti.
Sorta di servizioDurataCondizioneInndenità
Scuola recluteper chi presta servizio e non ha figli50% del salario
per chi presta servizio e ha figli80% del salario
Per i militari in ferma continuataPer una durata massima pari a 300 giornila recluta resta per almeno sei mesi alle dipendenze del precedente datore di lavoro, per la formazione di base (scuola reclute, SR)Diritto all’80% del salario percepito prima di entrare in servizio. La differenza del 30% è esigibile al termine dei sei mesi e dev’essere fatta valere dal datore di lavoro.
Durante gli altri periodi di servizio obbligatoriofino ad un massimo di 4 settimane per anno civile100% del salario
per gli ulteriori periodi di servizioper chi presta servizio e non ha figli80% del salario
per chi presta servizio ed ha figli80% del salario
Le indennità per perdita di guadagno secondo le disposizioni dell’IPG spettano al datore di lavoro nella misura in cui non superano il salario pagato durante il servizio militare, il servizio civile ed il servizio di protezione civile.

Articolo 49

Regolamentazioni in materia di pensionamento / pensionamento anticipato

Il pensionamento flessibile è possibile dal compimento del 58° anno d’età.

Articolo 31

Contributi

Fondo paritetico / contributi per le spese di esecuzione / contributi per il perfezionamento

Lavoratore: CHF 21.--/mese
(= il contributo alle spese di esecuzione: CHF 11.-- + il contributo al perfezionamento: CHF 10.--)

Datore di lavoro: CHF 21.--/mese per ogni lavoratore assoggettato al CCL
(= il contributo alle spese di esecuzione: CHF 11.-- + il contributo al perfezionamento: CHF 10.--)

Il personale occupato a tempo parziale, il cui grado di occupazione è inferiore al 40 % della durata del lavoro, non è tenuto al versamento del contributo di spese di applicazione.

Articolo 19; appendice 8: accordo 2015

Protezione del lavoro / contro la discriminazione

Disposizioni antidiscriminazione

Nessuna disposizione imperativa o di forza obbligatoria oltre il minimo legale

Parità in generale / parità salariale / conciliazione della vita professionale e familiare / molestie sessuali

Nessuna disposizione imperativa o di forza obbligatoria oltre il minimo legale

Sicurezza sul lavoro / protezione della salute

Igiene e prevenzione degli infortuni, doveri del datore di lavoro:
a) Il datore di lavoro adotta nell’azienda e sui cantieri le misure necessarie alla salvaguardia della vita e della salute del lavoratore.
b) Il datore di lavoro regola l’andamento del lavoro in modo da evitare infortuni, malattie ed affaticamento eccessivo del dipendente.

Doveri del lavoratore:
a) Il lavoratore asseconda il datore di lavoro nell’applicazione delle misure di igiene e di prevenzione degli infortuni.
b) Egli utilizza conformemente alle istruzioni le infrastrutture destinate alla salvaguardia della sicurezza e della salute.
c) Il lavoratore deve rispettare rigorosamente le istruzioni del datore di lavoro inerenti la prevenzione degli infortuni.

Articoli 20.2 e 21.3

Apprendisti / dipendenti fino a 20 anni d'età

Subordinazione CCL:
Gli apprendisti non sono assoggettati al CCL.

Vacanze: I lavoratori fino a 20 anni compiuti hanno diritto a 25 giorni lavorativi di
vacanza.

Congedo giovanile (fino a 30 anni, per volontariato nell’ambito delle attività giovanili extrascolastiche): 5 giorni di vacanza supplementari

Articoli 2.2 e 27; CO 329a+e

Disdetta

Termine di preavviso

Anni di servizioPeriodo di preavviso
Durante il periodo di prova (1 mese; al massimo 3 mesi, su accordo)

7 giorni

Nel 1° anno di servizio

1 mese

2°- 9° anno di servizio

2 mesi

Dal 10° anno di servizio

3 mesi

Lavoratori che fanno parte di una commissione paritetica (art. 11 CCL), della Commissione Paritetica Nazionale (art. 10 CCL) e/o di una commissione aziendale eletta dai lavoratori (art. 14 CCL)6 mesi

Articoli 56 e 57

Protezione contro il licenziamento

Dopo il tempo di prova, il datore di lavoro non può disdire il rapporto di lavoro:
Dopo il decimo anno di servizio durante il periodo in cui il lavoratore beneficia delle indennità per perdita di salario dell’assicurazione malattia ed infortuni obbligatoria (720 giorni), nella misura in cui egli è inabile al lavoro al 100% a causa di infortunio o malattia.

Articolo 59

Partenariato sociale

Parti contraenti

Rappresentanza dei lavoratori

Sindacato Unia
Syna – il sindacato

Rappresentanza dei datori di lavoro

Unione Svizzera degli Installatori Elettricisti (USIE)

Organi paritetici

Organi d'esecuzione

Commissione Paritetica Nazionale (CPN) per il ramo svizzero dell’installazione elettrica e dell’installazione delle telecomunicazioni:
- Composizione: 8 rappresentanti delle parti contraenti ((8 USIE risp. 5 Unia e 3 SYNA);
- Competenze/Compiti: applicazione e esecuzione di CCL e della DFO; giudicare e decidere in caso di divergenze di opinione e di controversie tra le parti contraenti; si occupare dell’evoluzione della situazione economica nel ramo dell’installazione elettrica e dell’installazione delle
telecomunicazioni

Commissioni Paritetiche (CP):
Le competenze, il numero dei membri e l'organizzazione sono definite per le disposizioni complementari regionali, cantonali e/o locali.

Articoli 10 e 11

Partecipazione

Congedo per partecipare alle attività sindacali

Nessuna disposizione imperativa o di forza obbligatoria oltre il minimo legale

Disposizioni in materia di partecipazione (commissioni aziendali, commissioni giovanili ecc.)

Ai sensi di legge federale sull’informazione e la consultazionedei lavoratori nelle imprese (Legge sulla partecipazione)

Appendice 3

Disposizioni di protezione per i delegati sindacali e i membri delle commissioni aziendali/del personale

Ai sensi di legge federale sull’informazione e la consultazionedei lavoratori nelle imprese (Legge sulla partecipazione)

Appendice 3

Misure sociali / piani sociali / licenziamenti di massa / mantenimento dei posti di lavoro

In caso di licenziamenti collettivi il datore di lavoro consulta i lavoratori conformemente all’art. 335d ss CO e dà loro la possibilità di sottoporre proposte atte ad evitare i licenziamenti, oppure a ridurne il numero e ad attenuarne le conseguenze.
È possibile il ricorso alla Commissione paritetica. In caso di contestazione, la decisione definitiva spetta alla Commissione Paritetica Nazionale.

Articolo 63

Disciplina sui conflitti

Procedura di conciliazione

Tra le parti contraenti:
LivelloInstituzione responsabile
1° livelloCommissione Paritetica Nazionale
2° livelloTribunale arbitrale


Tra le sezioni/regioni delle parti contraenti (in merito alle disposizioni complementari) e nell’azienda:
LivelloInstituzione responsabile
1° livelloCommissione paritetica
2° livelloCommissione Paritetica Nazionale
3° livello

Tribunale arbitrale


Articolo 9

Obbligo della pace

Le parti contraenti si impegnano a rispettare la pace assoluta del lavoro e rinunciano a fare ricorso, durante il periodo di validità di questo CCL, a qualsiasi misura di lotta, in particolare a scioperi e serrate. Questo obbligo si applica anche alle sezioni delle parti firmatarie nonché alle istanze cantonali, regionali o locali.



Articolo 4.2

Documenti e link  inizio pagina
» Decreto del Consiglio federale che conferisce obbligatorietà generale
» Commissione Paritetica Nazionale (CPN) per il ramo dell'installazione elettrica e dell'installazione delle telecomunicazioni
» CCL svizzero dell’installazione elettrica e dell’installazione delle telecomunicazioni 2014-2018 (3644 KB, PDF)
» Accordo 2015 installazione elettrica e dell'installazione delle telecomunicazioni (15 KB, PDF)
» Accordo 2017 installazione elettrica e dell'installazione delle telecomunicazioni (180 KB, PDF)
» Accordo 2018 installazione elettrica e dell'installazione delle telecomunicazioni (181 KB, PDF)
» Accordo 2019 installazione elettrica e dell'installazione delle telecomunicazioni (131 KB, PDF)
» Regolamento relativo alle ore supplementari per i lavoratori temporanei (a prestito) (14 KB, PDF)

Esportazione inizio pagina
» Documento PDF
» Scarica file Excel
 

    Al momento il suo elenco dei preferiti non contiene alcuna versione di CCL.


Unia Home


Produktion (Version 5.4.9)