Servizio-CCL.ch
Servizio-CCL.ch Logo Unia

Contratto Unia Contratto nazionale mantello per l'edilizia principale in Svizzera (CNM)

Versione del CCL

Sceglierne uno

Contratto collettivo di lavoro Conferimento dell’obbligatorietà generale

Criterio di selezione (51 su 51)

Dettagli CCL conformemente al criterio di selezioneinizio pagina

Panoramica del CCL

Dati di base

Tipo di CCL

Tutta la Svizzera

Ramo professionale

Settore costruzione principale

Responsabile del CCL

Nico Lutz

Numero di occupati assoggettati

72'500 (2019)

Numero di aziende assoggettate

ca. 5'000 (2019)

Campi di applicazione

Campo d'applicazione geografico

Valido per tutta la Svizzera, ad esclusione delle imprese di carpenteria dei Cantoni FR, GR, VD, VS, NE, GE, JU e Giura bernese

Articolo 1

Campo d'applicazione aziendale

Valido per le imprese o parti di imprese svizzere o straniere operanti in Svizzera, aziende in subappalto o cottimisti indipendenti, che impiegano lavoratori, purché la loro attività principale, ossia quella che li caratterizza, rientri nel settore dell'edilizia principale.
L’attività che caratterizza l’imprese o la parte d’impresa rientra nel settore dell’edilizia principale in particolare quando l’impresa o la parte d’impresa opera principalmente, ossia in misura preponderante, in uno o diversi die seguenti ambiti:
a. edilizia, genio civile (incluso il genio civile speciale), lavori in sotterraneo e costruzioni stradali (incluse le pavimentazioni);
b. Lavori di sterro, demolizioni (incluse le demolizioni pianificate e la bonifica di edifici contaminati da amianto), deposito e riciclaggio di materiali di sterro, di demolizione e di altri materiali edili di fabbricazione non industriale; sono esclusi gli impianti di riciclaggio fissi situati al di fuori dei cantieri e le discariche autorizzate in conformità all’art. 35 dell’ordinanza sui rifiuti (OPSR), nonché il personale impiegato in queste strutture.
c. lavorazione della pietra, attività di cava e imprese di selciatura;
d. lavorazione del marmo e del granito
e. imprese attive nella posa di ponteggi, nella costruzione e nell’isolamento di facciate, escluse quelle che realizzano superfici dei tamponamento; per “superfici di tamponamento” si intendono tetti inclinati, sottotetti, tetti piani e rivestimenti di facciate (con relativa sottostruttura e isolamento termico):
f. imprese di impermeabilizzazione e isolamento di superfici di tamponamento in senso lato e attività analoghe nel settore gel genio civile e dei lavori in sotterraneo;
g. imprese che eseguono lavori di iniezione e risanamento di calcestruzzo, imprese di taglio e foratura di calcestruzzo;
h. imprese che esguono rivestimenti di asfalto e messa in opera di betoncini;
i. imprese di giardinaggio nella misura in cui l’attività che le caratterizza rientra nel settore dell’edilizia principale, ossia che eseguono prevalentemente lavori ai sensi del presente campo di applicazione aziendale, come lavori edili, opere di livellamento, di muratura ecc.:
k. trasporto da e verso cantieri; sono escluse le forniture di materiali edili prodotti industrialmente (ad es. mattoni, prodotti in calcestruzzo, ferri di armatura, calcestruzzo da centrale e rivestimenti stradali);

Articolo 2, convenzione addizionale 2017 e 2019

Campo d'applicazione personale

Tutti i lavoratori delle imprese assoggettate
Ne sono esclusi:
- i capi muratori e i capi fabbrica
- il personale dirigente
- il personale tecnico e amministrativo
- il personale delle mense e il personale di pulizia è sottoposto al presente contratto nella misura in cui non soggiace ai contratti collettivi di lavoro dichiarati di obbligatorietà generale del settore alberghiero e della ristorazione nonché del personale di pulizia.

Articolo 3

Campo d'applicazione geografico con carattere obbligatorio generale

L’obbligatorietà generale fa stato per tutto il territorio svizzero.
Sono esclusi:
a. le imprese di impermeabilizzazione del cantone di Ginevra;
b. le imprese del marmo del cantone di Ginevra;
c. le imprese d’asfalto, di impermeabilizzazione e di lavori speciali con resina sintetica del cantone di Vaud;
d. i mestieri della pietra del cantone di Vaud.

A partire dal 1° ottobre 2014, le imprese che eseguono pavimenti industriali e lavori in betoncini del Cantone di Zurigo e del distretto di Baden (AG) non sono più esclusi del campo d'applicazione con carattere obbligatorio generale.

Sono esclusi dalle disposizioni concernenti i contributi alle spese di applicazione e di formazione/perfezionamento (art. 8 CNM) i cantoni di Ginevra, Neuchâtel, Ticino, Vaud, Vallese.

Conferimento del carattere obbligatorio generale: articolo 2

Campo d'applicazione aziendale con carattere obbligatorio generale

Le disposizioni di carattere obbligatorio generale, stampate in grassetto, del CNM che figurano nell’allegato devono essere applicabili a tutti i datori di lavoro (imprese e parti di imprese e i cottimisti indipendenti) purché la loro attività principale, ossia quella che li caratterizza, rientri nel settore dell’edilizia principale.
L’attività che caratterizza l’impresa o la parte d’impresa rientra nel settore dell’edilizia principale quando l’impresa o la parte d’impresa opera principalmente, ossia in misura preponderante, in uno o diversi dei seguenti ambiti:
a. edilizia, genio civile (incluso il genio civile speciale), lavori in sotterraneo e costruzioni stradali (incluse le pavimentazioni);
b. lavori di sterro, demolizioni, deposito e riciclaggio di materiali di sterro, di demolizione e di altri materiali edili di fabbricazione non industriale; sono esclusi gli impianti di riciclaggio fissi situati al di fuori dei cantieri e le discariche autorizzate in conformità all’art. 35 dell'ordinanza sui rifiuti OPSR, nonché il personale impiegato in queste strutture;
c. lavorazione della pietra, attività di cava e imprese di selciatura;
d. imprese attive nella costruzione e nell’isolamento di facciate, escluse quelle che realizzano superfici di tamponamento; per «superfici di tamponamento» si intendono tetti inclinati, sottotetti, tetti piani e rivestimenti di facciate (con relativa sottostruttura e isolamento termico);
e. imprese di impermeabilizzazione e isolamento di superfici di tamponamento in senso lato e attività analoghe nel settore del genio civile e dei lavori in sotterraneo;
f. imprese che eseguono lavori di iniezione e risanamento di calcestruzzo, imprese di taglio e foratura di calcestruzzo;
g. imprese che eseguono rivestimenti di asfalto e messa in opera di betoncini;

Conferimento del carattere obbligatorio generale: articolo 2

Campo d'applicazione personale con carattere obbligatorio generale

Le disposizioni di carattere obbligatorio generale si applicano ai lavoratori delle imprese di cui alla cifra 3 (indipendentemente dal tipo di retribuzione e dal luogo di assunzione) operanti nei cantieri. Si applicano anche ai lavoratori che eseguano lavori ausiliari in un’impresa sottomessa al campo d’applicazione. Per gli apprendisti, indipendentemente della loro età, è applicabile l’appendice 1 del CNM.
Sono eccettuati:
a. i capomastri e capi fabbrica,
b. personale con funzioni direttive;
c. il personale tecnico e amministrativo,
d. il personale addetto alle mense e alle pulizie.

Conferimento del carattere obbligatorio generale: articolo 2

Informazioni

Informazioni / indirizzo per l'ordinazione / Commissione paritetica

Commissione paritetica svizzera d'applicazione edilizia e genio civile (CPSA)
Weinbergstrasse 49
Case postale
8042 Zurich
058 360 77 10
www.svk-bau.ch/it
info@svk-bau.ch

Unia:
Bruno Tanner
031 350 22 72
bruno.tanner@unia.ch

Condizioni di lavoro

Salario e componenti salariali

Salari / salari minimi

Salari di base (dichiarato d’obbligatorietà generale a partire dal 1° marzo 2019)

A partire dal 1° gennaio 2019

Classe salarialeVQABC
Zonameseorameseorameseorameseorameseora
RossaCHF 6'417.--CHF 36.45CHF 5'713.--CHF 32.45CHF 5'504.--CHF 31.25CHF 5'192.--CHF 29.50CHF 4'628.--CHF 26.30
BluCHF 6'160.--CHF 35.--CHF 5'633.--CHF 32.--CHF 5'428.--CHF 30.85CHF 5'058.--CHF 28.75CHF 4'557.--CHF 25.90
VerdeCHF 5'902.--CHF 33.55CHF 5'558.--CHF 31.60CHF 5'353.--CHF 30.40CHF 4'923.--CHF 27.95CHF 4'493.--CHF 25.50

A partire dal 1° gennaio 2020
Classe salarialeVQABC
Zonameseorameseorameseorameseorameseora
RossaCHF 6'497.--CHF 36.90CHF 5'793.--CHF 32.90CHF 5'584.--CHF 31.70CHF 5'272.--CHF 29.95CHF 4'708.--CHF 26.75
BluCHF 6'240.--CHF 35.45CHF 5'713.--CHF 32.45CHF 5'508.--CHF 31.30CHF 5'138.--CHF 29.20CHF 4'637.--CHF 26.35
VerdeCHF 5'982.--CHF 34.--CHF 5'638.--CHF 32.05CHF 5'433.--CHF 30.85CHF 5'003.--CHF 28.40CHF 4'573.--CHF 25.95

Salari di base «Genio civile speciale»
A partire dal 1° gennaio 2019

Classe salarialeVQABC
Zonameseorameseorameseorameseorameseora
BluCHF 6'160.--CHF 35.--CHF 5'633.--CHF 32.--CHF 5'428.--CHF 30.85CHF 5'058.--CHF 28.75CHF 4'557.--CHF 25.90

A partire dal 1° gennaio 2020
Classe salarialeVQABC
Zonameseorameseorameseorameseorameseora
BluCHF 6'240.--CHF 35.45CHF 5'713.--CHF 32.45CHF 5'508.--CHF 31.30CHF 5'138.--CHF 29.20CHF 4'637.--CHF 26.35

Classi salariali: V = capisquadra; Q = lavoratori diplomati; A = lavoratori qualificati; B = lavoratori edili con conoscenze professionali; C = lavoratori edili senza conoscenze professionali

Salario di base per il settore della perforazione e del taglio del calcestruzzo*
A partire dal 1° gennaio 2019

Classe salarialeVQABC
Zonameseorameseorameseorameseorameseora
RossaCHF 6'417.--CHF 37.90CHF 5'713.--CHF 33.75CHF 5'504.--CHF 32.50CHF 5'192.--CHF 30.65CHF 4'628.--CHF 27.35
BluCHF 6'160.--CHF 36.40CHF 5'633.--CHF 33.30CHF 5'428.--CHF 32.05CHF 5'058.--CHF 29.90CHF 4'557.--CHF 26.90

A partire dal 1° gennaio 2020
Classe salarialeVQABC
Zonameseorameseorameseorameseorameseora
RossoCHF 6'497.--CHF 38.35CHF 5'793.--CHF 34.20CHF 5'584.--CHF 32.95CHF 5'272.--CHF 31.10CHF 4'708.--CHF 27.80
BluCHF 6'240.--CHF 36.85CHF 5'713.--CHF 33.75CHF 5'508.--CHF 32.50CHF 5'138.--CHF 30.35CHF 4'637.--CHF 27.35
*I salari del rimanente personale (deposito, ufficio, ecc.) sono stabiliti a livello individuale nel contratto di lavoro personale.

Classi salariali per il settore della perforazione e del taglio del calcestruzzo: V = capo operaio; Q = specialista di taglio del calcestruzzo/ operatore/trice al taglio edile qualificato/a; A = tagliatore di calcestruzzo; B = tagliatore di calcestruzzo senza attestato professionale; C = lavoratore edile

Convenzione addizionale al CNM per i lavori in sotterraneo
In caso di divergenze fra la presente convenzione addizionale e il CNM ha la precedenza questa convenzione addizionale.

Regolamentazioni salariali in casi particolari
Per i lavoratori di seguito elencati i salari devono essere concordati per iscritto individualmente con il datore di lavoro (eccezione lett. b) con riferimento al presente articolo; i salari base rivestono un carattere puramente indicativo:
a) lavoratori che fisicamente e/o mentalmente non sono in grado di svolgere pienamente l’attività;
b) giovani che non hanno ancora compiuto il 17° anno di età, praticanti, scolari e studenti che non vengono occupati per più di due mesi nel corso dell’anno civile;
c) lavoratori estranei al settore che non vengono occupati nell’edilizia per più di due mesi nel corso dell’anno civile;
d) lavoratori delle classi salariali A e B ai sensi dell’art. 42 CNM, la cui assegnazione alla classe salariale è stata modificata in via eccezionale dal nuovo datore di lavoro con contemporanea notifica alla Commissione professionale paritetica competente.
e) lavoratori che hanno già concluso un contratto di apprendistato nell'edilizia principale, per il periodo di transizione fino all'inizio dell'apprendistato nell'anno in questione; se l'apprendistato non può essere iniziato per un motivo non imputa bile al lavoratore, è dovuto a posteriori il salario minimo della classe salariale C;
f) lavoratori che svolgono un'attività pratica nell'ambito di un pretirocinio d'integrazione approvato dalla Commissione paritetica competente ai sensi del presente articolo, per una durata massima di dodici mesi consecutivi.

Convenzione addizionale «Genio civile speciale»
Questa convenzione addizionale vale come complemento e parte integrante del CNM; in caso di dubbio ha la precedenza sul CNM.

Salari base Cantone di Ginevra
Gruisti (certificato di formazione di gruista o attestato equivalente): classe Q

Supplementi:
supplemento per lavori nell’acqua o nel fango: 20-50%
supplemento per lavori sotterranei: CHF 5.-- l’ora (classe 1) o CHF 3.-- l’ora (classe 2)

Articoli 41, 45, 51, 52, 57 e 58; appendici 12, 13 et 17; Accordo CNM 2016 e 2019

Categorie salariali

Classi salarialiCondizioni
C – Lavoratori ediliLavoratori senza conoscenze professionali
B – Lavoratori edili con conoscenze professionaliLavoratori edili con conoscenze professionali ma senza certificato professionale e che per le loro buone qualifiche conformemente all’art. 44 cpv. 1 vengono promossi dal datore di lavoro dalla classe salariale C alla classe salariale B. Di regola tale promozione avviene al più tardi dopo 3 anni (36 mesi, base di calcolo: percentuale lavorativa 100 %) d’attività quale lavoratore edile nella classe salariale C (compresi gli impieghi svolti tramite prestatori di personale). In caso di nuova assunzione, la promozione può avvenire, in aggiunta al termine di cui sopra, dopo un anno di attività (12 mesi, base di calcolo: percentuale lavorativa 100 %) nell’impresa in questione. L’impresa può in ogni caso rifiutare la promozione anche dopo la scadenza dei termini e negli anni seguenti, se la qualifica si rivela insufficiente conformemente all’art. 44 cpv. 1, dandone notifica alla Commissione professionale paritetica competente. In caso di cambiamento di posto di lavoro in un’altra impresa edile, il lavoratore mantiene l’assegnazione alla classe B. Sono fatte salve le eccezioni conformemente all’art. 45 cpv. 1 lett. d17.
A – Lavoratori qualificatiLavoratori che hanno concluso la formazione biennale di aiuto muratore CFP/costruttore stradale pratico CFP18. Lavoratori edili qualificati senza certificato professionale, tuttavia: 1. con un attestato comprovante la frequenza ai corsi riconosciuti dalla CPSA oppure 2. riconosciuti esplicitamente dal datore di lavoro come lavoratori edili qualificati. In caso di cambiamento di posto di lavoro in un’altra impresa edile, il lavoratore mantiene l’assegnazione alla classe A. 3. con un attestato estero non riconosciuto dalla CPSA per l’assegnazione alla classe Q.
Q – Lavoratori diplomatiLavoratori diplomati quali muratori, costruttori di vie di traffico (costruttori stradali), ecc., in possesso di un certificato professionale riconosciuto dalla CPSA (attestato federale di capacità o attestato estero equipollente) e con almeno 3 anni di attività su cantieri (il periodo di apprendistato viene considerato come attività).
V – CapiLavoratori qualificati che hanno portato a termine con successo la scuola per capi riconosciuta dalla CPSA o che sono stati nominati capi dal proprio datore di lavoro.

Elenco dei criteri di classificazione relativo alle classi salariali A e Q e promemoria della CPSA relativo al riconoscimento di certificati professionali esteri: cfr. appendice 15

Elenco dei criteri di classificazione relativo alle classi salariali nel settore della perforazione e del taglio del calcestruzzo: cfr. appendice 17

Articolo 42; appendice 15, 17 e convenzione addizionale 2017

Aumento salariale

2019 e 2020 (dichiarato d’obbligatorietà generale a partire dal 1° marzo 2019)
A tutti i lavoratori sottoposti al CNM viene concesso, a partire
dal 1°gennaio 2019 risp.

dall’entrata in vigore della dichiarazione di obbligatorietà generale, un adeguamento (generale) del salario individuale pari a CHF 80.-- al mese (CHF 0.45 all’ora in caso di contratto con salario orario) e, dal 1° gennaio 2020, un adeguamento pari a CHF 80.– al mese (CHF 0.45 all’ora in caso di contratto con salario orario) in tutte le classi salariali giusta l'art. 42 e le appendici 13 e 17 CNM. Per beneficiarne il lavoratore deve aver lavorato almeno 6 mesi in un’impresa sottoposta al CNM nel 2018 (per l'aumento 2019) e nel 2019 (per l'aumento dall’1.1.2020) e deve essere in grado di «svolgere pienamente l’attività» (cfr. art. 45 cpv. 1 lett. a CNM). La base di calcolo per l'adeguamento è il salario individuale del 31 dicembre 2018 e del 31 dicembre 2019.

Per informazione:
Nel 3° trimestre trattative annuali tra le parti contraenti sui salari base delle varie zone e sui salari effettivi.

Articolo 51; Convenzione 2019: articolo 3

Indennità di fine anno / tredicesima mensilità / gratifica / premio per anzianità di servizio

I lavoratori hanno diritto alla tredicesima a partire dall’inizio del loro impiego presso l’impresa (salario mensile medio).
I lavoratori a salario orario percepiscono l'8,3% in più del salario determinante riscosso nell'anno considerato.

Articoli 49 e 50

Assegni per i figli

Nessuna disposizione imperativa o di forza obbligatoria oltre il minimo legale

Supplementi salariali

Lavoro straordinario / ore supplementari

Le ore prestate in più rispetto all’orario di lavoro settimanale stabilito dal calendario di lavoro sono considerate ore supplementari. Gli apprendisti possono essere chiamati a prestare lavoro supplementare solo con moderazione; va tenuto conto della loro età e dei loro obblighi scolastici.

Se l'orario di lavoro settimanale è superiore alle 48 ore, alla fine del mese successivo le ore di lavoro in più devono essere retribuite con il salario base e con un supplemento del 25%. Per il resto, ogni mese possono essere trasferite sul nuovo conto al massimo 25 ore supplementari prestate nel mese in corso, sempre che il saldo complessivo non sia superiore a 100 ore. Il resto delle ore supplementari prestate durante il mese in corso sono da retribuire parimenti alla fine del mese successivo con il salario base.

Il datore di lavoro è autorizzato a chiedere ai lavoratori la compensazione totale o parziale del saldo esistente delle ore supplementari con tempo libero di pari durata. Nel limite del possibile, egli tiene conto dei desideri e delle esigenze dei lavoratori, concedendo in modo particolare giornate intere.

Il saldo delle ore supplementari deve essere completamente azzerato entro la fine di aprile di ogni anno. Nel caso in cui, per motivi aziendali eccezionali, ciò non dovesse essere possibile, il saldo rimanente dovrà essere retribuito a fine aprile con il salario base e un supplemento del 25%.

I supplementi ai sensi dell'art. 26 cpv. 2 (ore supplementari) e i supplementi ai sensi dell'art. 55 (lavoro notturno temporaneo), dell'art. 27 cpv. 3 (lavoro di sabato) e dell'art. 56 (lavoro festivo) non sono cumulabili tra loro. Viene applicato quello più alto.

Articoli 26 e 52

Lavoro notturno / lavoro al fine settimana / lavoro serale

Lavoro notturno temporaneo:
Sorta di lavoroSupplemento
Estate (ore 20.00-05.00) durata fino ad una settimanasupplemento del 50%
Estate (ore 20h00-05h00) durata superiore ad una settimanasupplemento del 25%
Inverno (ore 20h00-06h00) durata fino ad una settimanasupplemento del 50%
Inverno (ore 20h00-06h00) durata superiore ad una settimanasupplemento del 25%

Sorta di lavoroSupplemento
Lavoro notturno a sciolte (estate e inverno)supplemento di CHF 2.-- l’ora\; Non cumulativo con il supplemento per il lavoro notturno temporaneo
Lavoro domenicale (sab. ore 17h00 - lun. ore 05h00 in estate o 06h00 in invernale)supplemento del 50%
Lavoro nei giorni festivi (ore 00h00-24h00)supplemento del 50%
Lavoro al sabato (per tutte le ore prestate)supplemento del 25% sotto forma di denaro (settore della perforazione e del taglio del calcestruzzo: 30%)

I supplementi ai sensi dell'art. 26 cpv. 2 (ore supplementari) e i supplementi ai sensi dell'art. 55 (lavoro notturno temporaneo), dell'art. 27 cpv. 3 (lavoro di sabato) e dell'art. 56 (lavoro festivo) non sono cumulabili tra loro. Viene applicato quello più alto.

Articoli 27, 52, 55, 56, 59; appendice 17: articolo 6

Lavoro a turni / servizio di picchetto

Premesse: necessità specifica, piano di turni, rispetto delle condizioni previste dalla legge e dal contratto collettivo di lavoro

Lavoro a sciolte: supplemento di 20 minuti per ogni turno un supplemento di CHF 1.-- l'ora

Lavoro notturno a sciolte: indennità di CHF 2.– l’ora

SettoreSupplemento
Lavori in sotteraneoBonus di 20 minuti per ogni turno o supplemento di CHF 1.-- l’ora
Altri lavoriCHF 2.-- l’ora

Lavoro a sciolte con esercizio continuo (lavori in sotterraneo):
- supplemento:CHF 1.50 l'ora
- supplemento per i pasti: CHF 3.--/giorno
- Per il miglioramento della qualità del vitto nelle mense e per una più ampia offerta sui cantieri con lavoro a sciolte con esercizio continuo, il datore di lavoro impiega CHF 3.-- supplementari al giorno per lavoratore.

Articoli 25, 59; Direttiva sul lavoro a sciolte (Appendice 16); «Convenzione per i lavori in sotterraneo» (appendice 12): articoli 14 e 17; convenzione addizionale sull'adeguamento dei salari 2014

Rimborso spese

Lavori in sotterraneo:
Principio: Indennità per il tempo di viaggio
Sorta di speseIndennità
Volta alla settimanaCHF 90.-- per ogni viaggio di andata e ritorno
Sciolte con esercizio continuoCHF 120.-- per ogni viaggio di andata e ritorno (questa indennità viene corrisposta anche se il lavoratore non torna al proprio domicilio)
Indennità per i pasti, lavoro a sciolte con esercizio continuoCHF 3.--/giorno addizionale
Sul territorio del Cantone di Ginevra: Indennità forfetaria giornaliera (spese di viaggio e pranzo)CHF 25.--
Indennità pausa per il cantone GE2,9% (del salario lordo mensile, in base al conteggio AVS (13a mensilità e ferie non incluse) ed è soggetta ai contributi sociali)

Genio civile speciale :
Principio: si applicano le disposizioni del CNM con riserva delle seguenti disposizioni.
Sorta di speseIndennità
Rimborso spese se non è possibile tornare giornalmente al luogo di impiegoCHF 70.-- per giorno lavorativo per alloggio in pensioni e simili; CHF 37.50 per giorno lavorativo per alloggio gratuito in baracche, roulotte, ecc. con possibilità di cucina o mensa
Rimborso spese in caso di ritorno giornaliero al luogo di impiegoindennità forfetaria per il pranzo: CHF 12.50 per ogni giorno di lavoro
Sul territorio del Cantone di Ginevra: Indennità forfetaria giornaliera (spese di viaggio e pranzo)CHF 25.--
Indennità pausa per il cantone GE2,9% (del salario lordo mensile, in base al conteggio AVS (13a mensilità e ferie non incluse) ed è soggetta ai contributi sociali)

Altri lavori:
Principio: Vitto/alloggio: per lavori fuori sede in linea di massima è previsto il rimborso.
Sorta di speseIndennità
Indennità per il pranzoCHF 16.-- (in mancanza di questa possibilità da parte dell’azienda, o se il lavoratore non può rientrare a casa per il pranzo)
Utilizzo dell’autovettura privataCHF -.60 al km
Sul territorio del Cantone di Ginevra: Indennità forfetaria giornaliera (spese di viaggio e pranzo)CHF 25.--
Indennità pausa per il cantone GE2,9% (del salario lordo mensile, in base al conteggio AVS (13a mensilità e ferie non incluse) ed è soggetta ai contributi sociali)

Indennità per il pranzo (dichiarato d’obbligatorietà generale a partire dal 01.07.2016):
L’impresa, secondo possibilità, mette a disposizione un pasto sufficiente al posto di corrispondere un’indennità in denaro. In mancanza di questa possibilità da parte dell’azienda, o se il lavoratore non può rientrare a casa per il pranzo, viene versata un’indennità di almeno 16 franchi.

Articolo 60; Accordo CNM 2016 (salari 2016-2018); convenzione addizionale 'Ginevra' (appendice 18): articolo 1; «Convenzione per i lavori in sotterraneo» (appendice 12): articolo 14; «Convenzione addizionale Genio civile speciale» (appendice 13): articolo 8

Orario di lavoro e giorni liberi

Orario di lavoro

Per orario di lavoro annuale si intende il totale lordo delle ore di un anno civile, durante le quali il lavoratore deve svolgere il suo lavoro, prima della deduzione delle ore non lavorative generali, come i giorni festivi infrasettimanali retribuiti, e delle ore individuali non lavorate, come vacanze, malattia, infortunio, giorni di servizio civile, ecc. Il totale determinante delle ore annuali ammonta a 2112 ore in tutte le zone contrattuali (365 giorni : 7 = 52,14 settimane x 40,5 ore).

Il datore di lavoro effettua un controllo dettagliato dell’orario di lavoro giornaliero, settimanale e mensile.

Orario di lavoro settimanale (orario di lavoro normale): l'orario di lavoro settimanale per l'anno successivo viene fissato dall'impresa in un calendario di lavoro, al più tardi entro la fine dell'anno. Il calendario viene elaborato secondo i criteri di cui al cpv. 2. Le parti contraenti mettono a disposizione dei modelli di calendari di lavoro elaborati congiuntamente. Se l'impresa omette di allestire il calendario di lavoro e di comunicarlo ai lavoratori, viene applicato il calendario sezionale in vigore nel luogo d'impiego, che viene elaborato ogni anno dalle Commissioni professionali paritetiche locali. Se necessario, queste ultime possono scostarsi dal cpv. 2 in caso di condizioni geografiche o climatiche particolari o per parti d'impresa o unità che dedicano oltre il 60 per cento del tempo di lavoro alla posa di pavimentazioni. Il calendario di lavoro aziendale non può superare i limiti fissati dalla Commissione professionale paritetica (fascia di oscillazione) e deve essere consegnato a detta Commissione entro metà gennaio.

Durata dell’orario di lavoro giornaliero e settimanale: l’orario di lavoro settimanale si articola di regola nel modo seguente:
a) minimo 37,5 ore settimanali (= 5 x 7,5 ore) e
b) massimo 45 ore settimanali (= 5 x 9 ore).

In caso di penuria di lavoro, condizioni meteorologiche sfavorevoli o guasti tecnici, l’impresa può modificare a posteriori il calendario di lavoro per l’intera impresa o per singole parti (cantieri), purché rispetti il cpv. 2 e il numero massimo di ore annuali. Nell’ambito di tali adeguamenti, l’impresa può scendere sotto il limite minimo e superare il limite massimo delle ore settimanali fino ad un tetto di 48 ore. L’aumento delle ore di lavoro settimanali deve presentare obbligatoriamente un nesso con l’evento che in precedenza ha condotto a una riduzione delle ore di lavoro. È possibile adeguare ripetutamente il calendario di lavoro.

Pausa obbligatoria a Ginevra:
Per tutto l’anno, durante la mattina 15 minuti (non viene calcolata nel tempo di lavoro effettivo; retribuita nella percentuale del 2.9% del salario lordo mensile)

Articoli 24 e 25; convenzione addizionale 'Ginevra'

Vacanze

Categoria d'etàNumero di giorni di vacanze
Fino al compimento del 20° anno d’età6 settimane (= 30 giornate lavorative)
Dal 21° anno d’età fino al 50° anno compiuto5 settimane (= 25 giornate lavorative)
Dal 50° anno compiuto6 settimane (= 30 giornate lavorative)
Lavoratori con salario orario10,6% (= 5 settimane) e 13,0% (= 6 settimane)

Articolo 34

Giorni di congedo retribuiti (assenze)

OccasioneGiorni compensati
Matrimonio1 giorno
Nascita di un figlio1 giorno
Decesso nella famiglia (coniuge, figlio, fratelli, genitori o suoceri)3 giorni
Ispezione militare0,5-1 giorno
Trasloco della propria economia domestica, se il rapporto di lavoro non è disdetto1 giorno

Articolo 39

Giorni festivi retribuiti

Diritto a un’indennità per perdita di salario in determinati almeno 8 giorni festivi, ricorrono in giorni di lavoro; i CCL locali fissano le festività

Eccezione ‘genio civile speciale’: indennità forfetaria pari al 3%

Articolo 38; appendice 13: articolo 9.2

Congedo di formazione

Massimo 5 giorni lavorativi l’anno per seguire corsi di aggiornamento professionale in azienda (non pagato).

Articolo 6

Indennità per perdita di guadagno

Malattia / infortunio

Malattia
- Prestazione: 90% del salario alla scadenza del giorno di attesa non retribuito per 730 giorni.
A condizione di un’inabilità lavorativa accertata di almeno 25%.

- Giorni di attesa: Massimo un giorno di attesa
Il giorno di attesa viene meno se entro 90 giorni civili dalla ripresa del lavoro subentra una nuova inabilità al lavoro in seguito alla stessa malattia (ricaduta).

- Prestazioni di maternità per almeno 16 settimane, di cui almeno otto settimane dopo il parto. La durata di indennizzo in caso di maternità non viene fatta rientrare nella durata ordinaria di indennizzo di 730 giorni. Le prestazioni dell’assicurazione statale di maternità possono essere computate nella misura in cui hanno ad oggetto lo stesso periodo.

- La recidiva di una malattia è considerata, per quanto concerne la durata delle prestazioni e il periodo di differimento, come un nuovo caso di malattia se l’assicurato prima del nuovo insorgere della malattia è stato ininterrottamente abile al lavoro per 12 mesi.

- Premi: Assicurazione collettiva d’indennità giornaliera: 50% del premio a carico del lavoratore
Durante la malattia, il lavoratore è esonerato dal pagamento dei premi.

- L’indennità giornaliera si basa sull’ultimo salario versato prima della malattia secondo l’orario di lavoro normale contrattuale. In caso di malattia, gli adeguamenti salariali contrattuali sono presi in considerazione.

- Le prestazioni versate in sostituzione del salario possono essere ridotte se e nella misura in cui superano il reddito netto di cui il lavoratore è stato privato a seguito dell’evento assicurato.

- Inabilità al lavoro dovute a recidive di malattie gravi, per le quali l’assicurato è stato curato prima dell’entrata nell’assicurazione: le prestazioni possono essere ridotte (vedi tabella nella convenzione addizionale)
Sono garantite le piene prestazioni se l’assicurato ha lavorato ininterrottamente per 5 anni nel ramo dell’edilizia principale svizzera. Non sono prese in considerazione interruzioni inferiori a 90 giorni (rispettivamente 120 giorni per i lavoratori stagionali e i dimoranti temporanei).

- La copertura assicurativa si estingue nei casi seguenti:
-con l’uscita dalla cerchia delle persone assicurate o dal rapporto di lavoro;
-se il contratto d’assicurazione viene annullato o sospeso;
-se è esaurito il massimo delle prestazioni.
Essa anche decade qualora l’assicurato soggiorni per oltre tre mesi all’estero (il Principato del Liechtenstein non è considerato estero).

- Per quanto riguarda il lavoratore straniero che non è in possesso né del permesso di residenza né del permesso di domicilio, l’obbligo di prestazione dell’assicuratore si estingue con la sca-denza del permesso di lavoro o alla partenza dalla Svizzera o dal Principato del Liechtenstein, eccezion fatta per i casi di ricovero in Svizzera, certificati e necessari dal punto di vista medico e a condizione che sia stata rilasciata la relativa autorizzazione delle autorità competenti.

Infortunio:
- Principio: Assicurazione contro gli infortuni presso la SUVA.
- Riduzione delle prestazioni da parte della Suva: se la Suva esclude o riduce, in caso di colpevolezza dell'assicurato o di pericoli straordinari o di atti temerari, le prestazioni dell'assicurazione, l'obbligo del pagamento del salario da parte del datore di lavoro si riduce nella stessa proporzione.
- Prestazione: Il datore di lavoro versa l’80% del salario per i giorni di attesa SUVA.
- Premi: Assicurazione contro gli infortuni non professionali: i premi sono a carico del lavoratore.

Artikel 64 e 65.2; convenzione addizionale 2017

Congedo maternità / paternità / parentale

Congedo paternità: 1 giorno

Articolo 39

Servizio militare / civile / di protezione civile

Il lavoratore ha diritto, in tempo di pace, a un’indennità durante i servizi svizzeri obbligatori, militare, civile o di protezione civile. L’indennità, basata sul salario orario, settimanale o mensile, ammonta a:
celibiconiugati o celibi con persone a carico
per tutta la durata della scuola reclute50%80%
durante altri servizi militari, civili o di protezione civile a carattere obbligatorio
nelle prime 4 settimane100%100%
a decorrere dalla 5a e fino alla 21a settimana50%80%
dalla 22a settimana (militari in ferma continuata)50%80%

Articolo 40

Regolamentazioni in materia di pensionamento / pensionamento anticipato

Pensionamento anticipato a partire da 60 anni, regolato in un apposito CCL (per il pensionamento anticipato PEAN; dati disponibili nel Servizio CCL)

Contributi

Fondo paritetico / contributi per le spese di esecuzione / contributi per il perfezionamento

Contributi alle spese d'applicazione e di formazione e perfezionamento professionale (Parifonds):
ChiContributo (% della masse salariale soggetta alla LAINF)
Contributo a carico dei lavoratori inclusi gli apprendisti0.7%
Contributo a carico del datore di lavoro, in genere0.5%
Contributo a carico di datori di lavoro la cui attività in Svizzera non supera i 90 giorni all'anno0.4% (0.35% contributo lavoratore, 0.05% contributo datore di lavoro), non meno CHF di 20.-- per ogni collaboratore e datore di lavoro

Sono sottoposti al Parifonds-Edilizia i datori di lavoro rientranti nel campo di applicazione geografico, aziendale e personale del CNM nonché i loro dipendenti, inclusi gli apprendisti. Sono escluse le imprese attive nell'estrazione di sabbia e ghiaia. Per i Cantoni di Ginevra, Neuchâtel, Ticino, Vaud e Vallese ci sono dei fondi locali.

Cantone di GE:
ChiMontante
Contributo a carico dei lavoratori e apprendisti1% del salario assoggettato alla SUVA (0,7% alle spese di applicazione e 0,3% alle spese di perfezionamento professionale; 13a mensilità e ferie non incluse)
Contributo a carico del datore di lavoro0,3% del salario lordo AVS (13a mensilità non inclusa)

Articolo 8; Convenzione addizionale 'Ginevra'; Convenzione addizionale Parifonds dell'25 settembre 2012 e convenzione addizionale 2017

Protezione del lavoro / contro la discriminazione

Disposizioni antidiscriminazione

Nessuna disposizione imperativa o di forza obbligatoria oltre il minimo legale

Parità in generale / parità salariale / conciliazione della vita professionale e familiare / molestie sessuali

Nessuna disposizione imperativa o di forza obbligatoria oltre il minimo legale

Sicurezza sul lavoro / protezione della salute

Sicurezza sul lavoro e tutela della salute:
L’impresa e i lavoratori collaborano al fine di garantire e migliorare la sicurezza sul lavoro e la prevenzione delle malattie.

Alloggi dei lavoratori:
- Devono essere garantite condizioni di abitabilità e di sicurezza adeguate alle norme vigenti in materia di abitazione, quali le norme di diritto pubblico, le disposizioni sulla protezione antincendio, ecc.
- I locali degli alloggi (ivi compresi i servizi igienici) devono poter essere riscaldati
- Dev’essere garantita la possibilità di avere un vitto caldo
- Ogni persona ha diritto ad un letto impeccabile e alla necessaria biancheria da letto
Nel caso di alloggi temporanei (ad es. per la durata di attività di un cantiere) possono essere ragionevolmente ridotti, previa comunicazione alla competente Commissione professionale paritetica.

Servizi igienici sui cantieri:
- con acqua potabile, sufficienti possibilità di lavarsi e un numero sufficiente di toilette; queste vanno tenute separate per uomini e donne, qualora se ne ravvisi la necessità

Lavori in sotteraneo:
I lavoratori e le lavoratrici temporanei unicamente se sono in grado di dimostrare di avere già esercitato nell’edilizia principale un’attività di almeno 6 mesi, beneficiare della stessa formazione concernente la sicurezza prevista per i lavoratori fissi, test medico obbligatorio

Articolo 5 del Allegato 5; Articoli 3-8 del Appendice 6; Articolo 9 del Appendice 12

Apprendisti / dipendenti fino a 20 anni d'età

Assoggettamento al CCL:
Gli apprendisti sono assoggettati ad alcune disposizioni del CCL: contributi per il Fondo di applicazione e per la formazione; indennità per giorni festivi; indennità per le assenze inevitabili; indennità per servizio militare; supplemento salariale per i lavori nell'acqua o nel fango; supplemento per lavori sotterranei; indennità giornaliera di malattia; ai sensi degli articoli del CNM relativi a tali prestazioni.

Vacanze:
- Dipendenti fino al compimento del 20° anno d’età: 6 settimane
- Congedo giovanile (dipendenti fino a 30 anni, per attività govanili volontarie, non retribuiti): 5 giorni di formazione suppl.

Salario: conformemente alle raccomandazioni annuali della SSIC alle sezioni

Lavoro a cottimo: gli apprendisti non possono eseguire lavori a cottimo

Articolo 3; Accordo protocollare in complemento al CNM concernente le «condizioni di formazione e di lavoro per gli apprendisti» e il «diritto di stipulare un contratto di adesione»; 329e CO

Disdetta

Termine di preavviso

Anni di servizioPeriodo di preavviso
Durante il periodo di prova (2 mesi)5 giorni lavorativi
nel 1° anno di servizio1 mese
dal 2° al 9° anno di servizio2 mesi
dal 10° anno di servizio3 mesi

Lavoratori a partire da 55 anni:
Anni di servizioPeriodo di preavviso
nel 1° anno di servizio1 mese
dal 2° al 9° anno di servizio4 mesi
dal 10° anno di servizio6 mesi

Artikel 18 e 19

Protezione contro il licenziamento

È esclusa la disdetta del rapporto di lavoro dopo il periodo di prova da parte del datore di lavoro con riserva dell’art. 21 cpv. 2 e 3 CNM, fintantoché il lavoratore ha diritto a prestazioni dell’assicurazione indennità giornaliera di malattia o dell’assicurazione obbligatoria contro gli infortuni.

Qualora il lavoratore percepisca, oltre all’indennità giornaliera di malattia, una rendita di invalidità, il rapporto di lavoro può essere disdetto, nel rispetto dei normali termini, a partire dalla data in cui sorge il diritto alla rendita di invalidità.

Se il lavoratore si ammala dopo l’intimazione della disdetta, la scadenza ne viene sospesa, ai sensi dell’art. 336c
cpv. 2 CO, nel primo anno di servizio per 30 giorni al massimo, dal
secondo al quinto anno di servizio compreso per un massimo di 90
giorni e a partire dal sesto anno di servizio per un massimo di 180 giorni. Se la data finale non coincide con la scadenza del termine di disdetta prolungato, questo viene prolungato fino alla fine del mese successivo.

Se il lavoratore subisce un infortunio dopo aver ricevuto la disdetta, la scadenza del termine di disdetta viene sospesa fintanto che l’assicurazione obbligatoria contro gli infortuni versa le prestazioni di indennità giornaliera.

Se al momento della disdetta sussiste un saldo di ore supplementari positivo e se tale saldo non può essere compensato nel primo mese del termine di disdetta, il lavoratore può esigere che il termine di disdetta venga prolungato di un mese.

Un lavoratore non può essere licenziato soltanto perché è stato eletto all’esercizio di una carica sindacale.

Le parti contraenti tengono in alta considerazione il potenziale rappresentato dai lavoratori anziani. Rientra nell’obbligo di assistenza del datore di lavoro trattare in modo socialmente responsabile i lavoratori anziani di lunga data. Ciò richiede una diligenza maggiore, in particolare in caso di licenziamento.

L'impresa che prevede di licenziare lavoratori di età superiore ai 55 anni è tenuta a organizzare un colloquio tra il superiore e il lavoratore interessato, durante il quale quest'ultimo viene informato e consultato e si cercano congiuntamente soluzioni per mantenere il rapporto di lavoro. La decisione finale circa il licenziamento spetta al superiore.

Articoli 19.3 e 21

Partenariato sociale

Parti contraenti

Rappresentanza dei lavoratori

Sindacato Unia
Sindacato Syna

Rappresentanza dei datori di lavoro

Società Svizzera degli Impresari-Costruttori (SSIC)

Organi paritetici

Organi d'esecuzione

Commissione paritetica svizzera d’applicazione (CPSA):
- Composizione: 7 rappresentati SSIC, 4 rappresentati Unia, 3 rappresentati Syna
- Competenze/Compiti: Delibera su questioni generali di interpretazione del CNM, elaborazione della proposta di finanziamento dei compiti di applicazione, delegazione die compiti varii a un comitato

Comitato:
- Composizione: 3 rappresentati SSIC, 2rappresentati Unia, 1 rappresentate Syna
- Competenze/Compiti: Coordinazione e assistenza die Commissioni professionali paritetiche (CPP), istruire e fornire le CPP, delibera su questioni riguardanti le competenze, controllo l'operato delle CPP, coordinazione del applicazione del CNM

Le Commissioni professionali paritetiche locali così costituite sono espressamente incaricate dell’esecuzione del CNM durante la sua validità. Le Commissioni professionali paritetiche locali sono autorizzate a far valere il diritto all'esecuzione in comune delle parti contraenti ai sensi dell'art. 357b CO in nome proprio anche in procedimenti giudiziario.

La Commissione professionale paritetica locale ha i seguenti compiti:
a) garantire l'applicazione delle disposizioni contrattuali del CNM, delle relative appendici e convenzioni addizionali, a meno che non venga trovata altra soluzione in seno al CNM (...)
b) e in particolare:
1. eseguire controlli salariali e inchieste sulle condizioni di lavoro nell’impresa su richiesta individuale o sistematicamente;
2. verificare i calendari di lavoro purché a tale proposito il CNM non abbia stabilito altre competenze, come nella convenzione addizionale «Lavori in sotterraneo» o nella convenzione addizionale «Genio civile speciale»;
3. conciliare le divergenze di opinione tra imprese e lavoratori sull’assegnazione alle classi salariali (art. 42, 43 e 45 CNM);
4. vegliare sull’applicazione della «Convenzione addizionale concernente gli alloggi dei lavoratori, l’ordine e l’igiene sui cantieri» (appendice 6);
5. conciliare le divergenze di opinione fra impresa e lavoratore sulla sicurezza sul lavoro e la prevenzione delle malattie;
6. conciliare le divergenze di opinione ai sensi dell’art. 33 della convenzione addizionale «Partecipazione nel settore dell’edilizia principale» (appendice 5);

In singoli casi, la Commissione professionale paritetica può decidere che i lavoratori per i quali sussistono pretese nei confronti del datore di lavoro sulla base di un controllo salariale concluso siano informati in merito.

Articoli 13, 13bis et 76

Partecipazione

Congedo per partecipare alle attività sindacali

Nessuna disposizione imperativa o di forza obbligatoria oltre il minimo legale

Disposizioni in materia di partecipazione (commissioni aziendali, commissioni giovanili ecc.)

Informazione:
- Principii: l’impresa è tenuta a informare, almeno una volta all’anno, i lavoratori sugli effetti della gestione degli affari; in caso di eventi eccezionali l’informazione viene fornita tempestivamente e nella maniera più opportuna
- In speciale: in caso di trasferimento ad altra ditta o di licenziamenti collettivi, vengo disposizioni speciali

Arbeitssicherheit und Gesundheitsvorsorge:
- Principio: l’impresa e i lavoratori collaborano al fine di garantire e migliorare la sicurezza sul lavoro e la prevenzione delle malattie.
- In speciale: i lavoratori devono essere informati per tempo dalla stessa in caso di visite aziendali, L’impresa comunica ai lavoratori l’esito di tale visita; i lavoratori possono, previo accordo con l’impresa, raccogliere le informazioni necessarie relative alla sicurezza e alla prevenzione6, presso autorità, esperti esterni della sicurezza sul lavoro e fornitori.

Articolo 73; appendice 5

Disposizioni di protezione per i delegati sindacali e i membri delle commissioni aziendali/del personale

Un lavoratore non può essere licenziato soltanto perché è stato eletto all’esercizio di una carica sindacale.

Articolo 21

Misure sociali / piani sociali / licenziamenti di massa / mantenimento dei posti di lavoro

Licenziamenti collettivi:

Se sono previsti licenziamenti collettivi nei termini di legge (art. 335d CO), l'azienda deve informare e consultare tempestivamente i lavoratori invitandoli a formulare proposte atte a evitare o ridurre i licenziamenti.

L'impresa informa tempestivamente la Commissione professionale paritetica competente e le parti contraenti competenti del trasferimento dell'azienda o del licenziamento collettivo.

L'azienda deve elaborare tempestivamente per iscritto un piano sociale atto ad attenuare le conseguenze sociali ed economiche per i lavoratori licenziati.

Disposizioni speciali in materia di lavoro ridotto/sospensione delle attività aziendali causa intemperie

Articoli 25 e 28; convenzione addizionale „Partecipazione nell’edilizia principale” (appendice 5)

Disciplina sui conflitti

Procedura di conciliazione

Tra le parti contraenti:
LivelloInstituzione responsabile
1° livelloCommissione paritetica svizzera d’applicazione (CPSA)
2° livelloCollegio arbitrale nazionale
Tra le parti contraenti locali e in azienda (nel quadro dei contratti complementari locali)
LivelloInstituzione responsabile
1° livelloCommissione professionale paritetica locale
2° livelloCollegio arbitrale locale


Articoli 14 e 77

Obbligo della pace

Pace assoluta del lavoro ai sensi dell’art. 357a cpv. 2 CO

Di conseguenza sono proibite tutte le azioni volte a turbare il lavoro, quali sciopero, minaccia di sciopero, provocazione allo sciopero, ogni resistenza passiva come pure ogni rappresaglia o altra misura di lotta, quali serrata o boicotto.

Articolo 7

Documenti e link  inizio pagina
» Decreti del Consiglio federale che conferisce obbligatorietà generale
» Commissione paritetica svizzera d'applicazione edilizia e genio civile (CPSA)
» Contratto nazionale mantello per l'edilizia principale in Svizzera (CNM 2019-2022) (2399 KB, PDF)
» Accordo addizionale 2019 (314 KB, PDF)
» Basislöhne Bauhauptgewerbe 2019 / Salaires de base dans le bâtiment 2019 (non esiste in versione italiana) (344 KB, PDF)
» Basislöhne Bauhauptgewerbe 2020 / Salaires de base dans le bâtiment 2020 (non esiste in versione italiana) (342 KB, PDF)
» Accordo addizionale 2017 (324 KB, PDF)

Esportazione inizio pagina
» Documento PDF
» Scarica file Excel
Salario usuale del ramo professionale: inizio pagina
 

    Al momento il suo elenco dei preferiti non contiene alcuna versione di CCL.


Unia Home


Produktion (Version 5.4.9)